Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Stalking-Alfano-casi-diminuiti-del-1o-per-cento-condanne-piu-frequenti-delle-assoluzioni-3f75e62e-be06-4564-8660-5aea20441e10.html | rainews/live/ | true
ITALIA

I dati del Viminale

Violenza sulle donne, Alfano: "In calo stalking e omicidi"

Ad un anno dalla legge contro la violenza di genere e a 5 da quella sullo stalking, i dati per il Ministro sono "positivi": aumentano le segnalazioni e le persone denunciate. In calo del 5,2% i femminicidi

Condividi
"Finalmente le cose vanno meglio e i numeri sono positivi, sia quelli sulla lotta alla violenza di genere, sia sul contrasto allo stalking". Ad un anno dalla legge contro la violenza di genere e a 5 da quella sullo stalking il Ministro dell'Interno Angelino Alfano, firmatario di entrambi i decreti, presenta i dati: diminuiscono gli omicidi di donne, il numero di vittime è sceso da 152 a 144, con un calo del 5,2%. È invece del 3,8% la diminuzione degli omicidi di donne in ambito familiare. Dati positivi che però, sottolinea il Ministro, non significano che lo Stato abbia abbassato la guardia. "La nostra battaglia sta dando i suoi frutti - ha detto - ma dobbiamo fare di più e meglio. Nessuno deve girare la testa dall'altra parte".

I casi di stalking negli ultimi 12 mesi sono diminuiti del 10%.  Il ministro ha sottolineato che dall'introduzione del decreto della legge sullo stalking sono state 51 mila le denunce registrate. Nel 70% dei casi riguardano le donne. Sono aumentate del 20% le segnalazioni per il reato, +25% le persone denunciate per stalking.
Le condanne sono più frequenti delle assoluzioni. “Nel 42% dei casi c'è stata la condanna e nel 15% il patteggiamento. C'è stato solo l'11,5% di assoluzioni", ha aggiunto il ministro. "Uno su 4 ritira la querela", ha quindi sottolineato Alfano che, per contrastare il fenomeno, ha annunciato la volontà del governo di rendere irrevocabile la querela.

Dai dati emerge anche "l'identikit" dello stalker. "Ha in media 40-42 anni, nell'80% è uomo, di ceto non molto elevato, operaio o comunque con un reddito non alto. La vittima è in media donna, di 38 anni. In 1/3 dei casi ci sono figli, nella maggioranza dei casi c'è stata una relazione. I motivi scatenanti sono una relazione finita o la gelosia. Positivo anche il dato sulla violenza di genere".

Il ministro ha inoltre sottolineato che sono in diminuzione anche altri reati: la violenza sessuale, ad esempio, scende del 7% e in generale calano gli omicidi del 13,8%

"Abbiamo approvato una legge che prevede nuovi strumenti: irrevocabilità della querela, rafforzamento dell’ammonimento, testimonianze acquisite con modalità protetta e allontamento del violento dalla casa familiare". Uno dei punti fondamentali é infatti "cacciare di casa il violento se mette a rischio incolumità fisica della vittima”. La norma inoltre prevede che chi denuncia sarà protetto.
Condividi