Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Standard-and-Poors-rating-Italia-invariato-a-BBB-ma-il-debito-sale-e-le-riforme-spingono-verso-la-recessione-e2c87960-f974-4c0c-9681-7c83e005d7e9.html | rainews/live/ | true
ECONOMIA

Outlook negativo

S&P: rating Italia invariato a BBB, ma il debito sale e le riforme spingono verso la recessione

L'agenzia segnala "un forte deterioramento delle condizioni finanziarie esterne del governo e delle banche italiane"

Condividi

S&P Global Ratings ha confermato il rating BBB per l'Italia con outlook negativo. E' quanto recita una nota dell'agenzia di rating, che parla di un cambio di rotta delle riforme e di una domanda esterna volatile, fattori che hanno spinto l'economia tricolore in recessione. S&P fa anche notare che il debito pubblico "è in aumento" mentre quello privato in calo.

L'agenzia avvisa che potrebbe tagliare il rating italiano entro i prossimi 24 mesi se dovessero aumentare deficit e debito sopra "le nostre stime", se dovesse verificarsi "un marcato deterioramento delle condizioni finanziarie del governo italiano e delle sue banche", se "il cambio di politiche indebolisse la crescita potenziale italiana".

Allo stesso tempo l'agenzia spiega che potrebbe riportare l'outlook a stabile da negativo nel caso in cui "dovesse vedere una ripresa economica in Italia, una crescita dell'occupazione e un miglioramento delle finanze pubbliche".

Il piano economico del governo ha portato l'Italia in recessione
"A nostro avviso, l'attuale piano economico e di bilancio del governo ha avuto un ruolo nell'ingresso dell'economia italiana in una recessione tecnica durante la seconda metà del 2018" scrive S&P. A pesare anche "l'incertezza riguardo il percorso dei conti pubblici" che ha provocato l'aumento dei "costi di indebitamento durante l'estate 2018". Sebbene l'obiettivo, scrive S&P, "fosse quello di fornire un "maggiore slancio, le mosse di bilancio del governo sembrano essere state controproducenti per molti aspetti, dati i loro effetti negativi sulle condizioni finanziarie e sui costi di finanziamento per le banche italiane".

"L'Italia- conclude l'agenzia di rating- è sulla buona strada per diventare un creditore netto esterno entro la metà del decennio".

Condividi