Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Stati-uniti-Biden-proclama-il-Columbus-Day-festa-nazionale-dei-nativi-9b12b092-57dd-4b8a-a929-68634da76236.html | rainews/live/ | true
MONDO

L'11 ottobre diventa ufficialmente l'Indigenous Peoples' Day

Biden proclama il Columbus Day festa nazionale dei nativi

La decisione di Biden per riequilibrare la festività che celebra Cristoforo Colombo con l'apprezzamento per il coraggio e il contributo dei popoli nativi

Condividi
Il giorno in cui si celebra il Columbus Day - il secondo lunedì del mese di ottobre che quest'anno cade l'11 ottobre - diventa ufficialmente l'Indigenous Peoples' Day, in onore dei nativi americani e delle tribù d'Alaska. Lo ha annunciato Joe Biden, primo presidente degli Stati Uniti della storia a proclamare una festività federale dedicata ai popoli indigeni. "Oggi - ha spiegato Biden - riconosciamo la resilienza e la forza dei popoli indigeni, come l'incommensurabile impatto positivo che hanno avuto su ogni aspetto della società". Con una dichiarazione separata, il presidente ha poi reso onore alla comunità italiana, alla vigilia del Columbus Day, proclamata festa nazionale dal Congresso nel 1937 come risarcimento morale per il linciaggio di undici immigrati italiani avvenuto a New Orleans nel 1892.

Biden ha ricordato che molti italiani hanno seguito l'esempio di Colombo e hanno raggiunto gli Stati Uniti alla ricerca di una vita migliore, sfidando "la povertà, la fame e la morte". Allo stesso tempo, per i nativi americani, l'esplorazione occidentale ha inaugurato un'ondata di devastazione: violenza perpetrata contro le comunità native, sfollamento e furto di terre tribali, introduzione e diffusione di malattie e altro". Il presidente ha assicurato che non si seppellirà nulla del passato, ma che al contrario si investirà nella promozione delle comunità dei nativi americani e sul loro futuro e ha invitato a non cadere nelle polemiche che da qualche anno accompagnano la celebrazione, chiedendo che il Columbus day sia un momento di riflessione sul "coraggio e sui contributi degli italoamericani attraverso le varie generazioni, ma anche sulla dignità e la resilienza delle comunità indigene". Il presidente ha aggiunto che "oggi, milioni di italoamericani continuano ad arricchire le tradizioni e la cultura del nostro paese: sono educatori, operatori sanitari, scienziati, primi soccorritori, membri del servizio militare e funzionari pubblici, tra tanti altri ruoli vitali" per il Paese.

Quello di Biden è lo sforzo finora più significativo di riequilibrare la festività che celebra Cristoforo Colombo con l'apprezzamento per il coraggio e il contributo dei popoli nativi. “La decisione del presidente è stata completamente inaspettata. Anche se ne abbiamo parlato e lo desideriamo da così tanto tempo", ha detto Hillary Kempenich, artista e membro della Turtle Mountain Band di Chippewa. Nel 2019, lei e altri membri della tribù hanno condotto con successo una campagna nella sua città di Grand Forks, ND, per sostituire il Columbus Day con un giorno in cui si riconoscono i popoli nativi. "Sono sopraffatta dalla gioia", ha detto Kempenich.

Il presidente ha poi fatto anche un gesto concreto verso le comunità native, ripristinando la piena protezione di tre parchi 'monumenti nazionali' (Bears Ears, Grand Staircase-Escalante e Northeast Canyons and Seamounts) che Donald Trump aveva ridimensionato ignorando le proteste dei popoli indigeni.
Condividi