Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Tassista-violentata-Io-rovinata-per-sempre-4623970c-275a-4d02-8142-df0e9389f10f.html | rainews/live/ | true
ITALIA

L'intervista

Tassista violentata: "Io, rovinata per sempre"

"Dovrebbe rimanere in carcere a vita per non nuocere più, soprattutto se ripenso alla tranquillità e alla naturalezza con cui è sceso e si è allontanato dopo quello che mi aveva fatto", racconta la donna in un'intervista

Condividi
Quell'uomo "ha rovinato per sempre la mia esistenza, il fatto che ora sia dietro le sbarre e che la polizia lo abbia catturato in poco tempo è da una parte un sollievo perché non potrà più far male ad altre persone, ma quello che ha lasciato in me non passerà mai". A parlare, intervistata dal quotidiano Repubblica, è la tassista romana stuprata e rapinata venerdì scorso.    

"Dovrebbe rimanere in carcere a vita per non nuocere più, soprattutto se ripenso alla tranquillità e alla naturalezza con cui è sceso e si è allontanato dopo quello che mi aveva fatto. Era come se fosse abituato a trovarsi in quelle situazioni. Era come se fosse stato tutto normale...". La donna ripercorre i momenti dell'aggressione e sottolinea: "Temevo di morire e di non farcela". Annuncia poi di voler ritornare al lavoro: "Tornerò a guidare il taxi, è il mio lavoro, non so quando ma ricomincerò".

"In genere - riflette la donna - noi tassiste temiamo il pericolo durante il turno di notte e quando lavoriamo in alcuni quartieri periferici. Dopo la mia terribile esperienza, che è cominciata in un quartiere tranquillo di Roma e di mattina, in un orario dove c'è in giro tanta gente, dico che non possiamo stare mai sicure, potrebbe accadere ovunque e a qualunque orario". 
Condividi