Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Tassista-violentata-a-Roma-caccia-uomo-C-e-identikit-30-anni-muscoloso-con-il-pizzetto-7f739c86-d0f5-4539-bf5c-5a893daad9c1.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Il caso

Tassista violentata a Roma, è caccia all'uomo. C'è l'identikit: 30 anni, muscoloso, accento romano

"Fermati qui", le ha detto, e invece di pagare la colpisce con un pugno. Il sindaco di Roma Marino: "Non deve restare libero, giustizia rapida"

Condividi
Un uomo di trent'anni con accento romano, muscoloso, capelli rasati e poca barba: è questo l'identikit dell'eggressore di una tassista di 43 anni nella periferia sud di Roma. 

La dinamica dei fatti
La donna, intorno alle 7.30 di mattina di venerdi 8 maggio, ha dato l'allarme al 113. Sconvolta, ha raccontato tra le lacrime agli agenti cosa aveva subito. Poco prima ha detto di aver caricato nel suo taxi un uomo, nei pressi dell'hotel Ergife sull'Aurelia, che non aveva prenotato telefonicamente ma ha fermato la vettura direttamente in strada chiedendo di essere portato verso Fiumicino. Ma durante il tragitto il cliente, un ragazzo di circa 30 anni che parlava con accento romano, le ha fatto cambiare più volte strada e l'ha condotta in una stradina sterrata, isolata, in zona Ponte Galeria.  

Una volta giunti in via Pescina Gagliarda l'uomo, invece di pagare la corsa, l'ha stordita con un pugno in faccia e ha abusato sessualmente di lei costringendola a un rapporto orale. Prima di scappare a piedi nelle campagne facendo perdere le sue tracce ha preso i soldi dell'incasso: circa 70 euro.    

La vittima, che lavora per la cooperativa taxi 3570, ha dato subito l'allarme. La donna è stata portata all'ospedale Grassi di Ostia e poi trasferita al San Camillo per gli accertamenti del caso. Il suo racconto è sembrato attendibile agli investigatori e cosiì è scattata una vasta battuta di ricerche in tutta la zona, anche con l'ausilio dell'elicottero. Accertamenti anche sull'auto della tassista per rilevare eventuali impronte o altre tracce lasciate dall'aggressore. Sul caso indaga la Squadra mobile della Capitale.    

La solidarietà 
Il sindaco di Roma, Ignazio Marino, ha espresso la vicinanza di tutta la città alla donna e la più totale condanna dell'accaduto "Di fronte alla vigliaccheria di chi usa la violenza e la forza per ferire una donna nel corpo e nello spirito - dice Marino - non si può lasciare spazio ad alcun tentennamento nell'invocare una giustizia severissima e rapidissima. Roma ripudia questi gesti, e ripudia chi li compie, che non può in alcun modo sentirsi degno di vivere da cittadino libero in una città che da millenni è simbolo di accoglienza e integrazione. Questa amministrazione farà quanto è in suo potere per essere vicino alla donna vittima di violenza".    

Le reazioni
"Non vogliamo la scorta, ma chiediamo più presenza di forze dell'ordine sulle strade e una maggiore prevenzione", afferma il coordinatore nazionale di Unica Taxi Cgil Nicola Di Giacobbe, mentre la deputata del Pd Fabrizia Giuliani parla di "Una vicenda orribile. Vogliamo abbracciare la donna vittima di questo brutale episodio di violenza, colpita mentre svolgeva il suo lavoro. Siamo certe che le forze dell'ordine stiano facendo del tutto per identificare il responsabile e speriamo che presto potremo sentirci sollevate almeno dal fatto che sia assicurato alla giustizia".
Condividi