Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Torino-Adesivi-con-svastiche-sulla-casa-della-figlia-di-un-partigiano-80d17eae-c94c-4bf1-9e4c-a773041a5d63.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Svastiche e croci celtiche a Torino e a Villadossola

Nuove scritte con simboli nazisti sulla casa della figlia di un partigiano a Torino

Mentre a Torino la casa della figlia di un partigiano è stata nuovamente oggetto di scritte e simboli nazisti, a Villadossola, nel Verbano, è stato imbrattato con svastiche e croci celtiche il centro culturale "La fabbrica" della città medaglia d'argento al valore civile per la Resistenza

Condividi
Ancora scritte con simboli nazisti a Torino. Ad essere colpita è la stessa donna, figlia di un partigiano, che il 30 gennaio scorso aveva trovato sul campanello di casa dei bigliettini con la scritta nazista Sieg Heil, "Saluto alla vittoria".

Stamattina, sempre vicino al campanello della sua abitazione del quartiere Vanchiglia, in pieno centro, la donna ha notato una svastica, una croce celtica e la scritta "Onore Hitler".

La donna ha denunciato il fatto alla Digos che sta indagando sull'accaduto. L'episodio all'indomani della manifestazione di Torino contro l'antisemitismo e l'odio razziale voluta dal Comune.

"In Piemonte continuano a ripetersi episodi di insulti e intimidazioni antisemite. Ancora scritte vergognose sono apparse oggi vicino all'appartamento della figlia di un partigiano che era già stata vittima di attacchi antisemiti lo scorso 30 gennaio. Contro questi atti inaccettabili la reazione dello Stato sarà ancora più determinata. Serve tolleranza zero". Così il vice ministro dell'Interno Matteo Mauri.

"Non intendiamo fare passi indietro contro il pericoloso clima di odio che si sta diffondendo e le forze dell'ordine sono già al lavoro per individuare i responsabili. Chi si macchia di queste azioni, conclude Mauri deve essere punito con la massima severità'".

"Gesto indegno e incivile, non rispettoso della persona ma anche della città”. Questo il commento della Sindaca di Torino, Chiara Appendino, che aggiunge: “Penso che si debba lavorare sul senso di appartenenza alla comunità e di alcuni valori".

Svastiche nel Verbano
Una svastica e una croce celtica sono state disegnate con vernice sulla facciata del centro culturale "La Fabbrica" di Villadossola (Vco), città medaglia d'argento al valore civile per la Resistenza. In una nota l'amministrazione comunale ha "espresso il suo sdegno per un richiamo gravissimo a nefaste ideologie, gesto che non può essere tollerato, specialmente se, come pare, gli autori sono giovanissimi. La scritta sul teatro, una eccellenza culturale del Verbano Cusio Ossola, vuole colpire la dignità di tutti", aggiunge l'amministrazione. 

Borghi (Pd): "Non abbassare la guardia"
"Esprimo la nostra più sentita solidarietà - anche a nome dei deputati del Pd - all'amministrazione comunale e alla comunità di Villadossola, medaglia d'oro della Resistenza e culla della tradizione operaia e democratica dell'Ossola, vittima dell'ennesimo atto vandalico a sfondo nazifascista. E' l'ennesimo di una serie di episodi indegni per cui non dobbiamo abbassare la guardia. Non dobbiamo farci scoraggiare da chi inneggia all'odio e alla violenza nascondendosi dietro una scritta o un graffito. Dobbiamo restare uniti e condannare fermamente questi atti violenti. Il Partito democratico si stringe a tutte le vittime che soprattutto negli ultimi giorni hanno subito offese e violenze antisemite". Lo dichiara in una nota il deputato Enrico Borghi, dell'ufficio di presidenza a Montecitorio del gruppo del Partito democratico.
Condividi