Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Trentino-jumper-americano-resta-sospeso-a-150-metri-di-altezza.-La-vela-si-impiglia-in-una-roccia-b6f9a7f7-f0f1-478a-8cb6-42691dc26fb2.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Monte del Brento

Trentino, jumper americano resta sospeso a 150 metri di altezza. La vela si impiglia in una roccia

Due incidenti a poche ore di distanza sulla parete Zebrata del monte del Brento. Uno di questi è stato mortale

Condividi
Tragedia sfiorata ancora una volta sulla Parete Zebrata del Monte Brento nel Trentino meridionale. Ieri l’incidente è costato la vita ad una base jumber svedese di 30 anni. 7 ore dopo altro incidente fortunatamente   con un lieto fine.Un jumper americano si è salvato perchè  la vela del suo paracadute è rimasta impigliata alle rocce.
 
Il base jumper statunitense, classe 1984, si e' lanciato dal Becco dell'Aquila e, dopo aver aperto la vela, la stessa si è avvitata. L'uomo ha perso il controllo ed ha sbattuto contro le rocce rimanendo appeso alla parete verticale, circa 150 metri sopra lo zoccolo del Monte. I soccorritori dopo aver individuato il ferito hanno provveduto a calare con un verricello un tecnico
dell'elisoccorso evitando nello stesso momento che le pale dell'elicottero facessero gonfiare la vela. Il ferito, sempre cosciente, e' stato imbarcato sull'elicottero quindi  trasportato all'ospedale Santa Chiara di Trento
Condividi