Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Trieste-Smantellata-organizzazione-che-gestiva-rete-di-immigrazione-clandestina-87417c60-e276-418e-ad96-4f6fa933c7cc.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Operazione Digos di Trieste e Ucigos

Immigrazione clandestina, smantellata organizzazione nel Nord Italia legata al terrorismo islamico

Emesse 5 ordinanze di custodia cautelare in carcere, di cui due estese in ambito europeo, e a 2 misure di custodia agli arresti domiciliari nei confronti di cittadini iracheni di etnia curda.

Condividi
Gira tutto intorno ad un iracheno di 30 anni residente a Trieste che poi si è defilato prima in Olanda e poi Germania, dove è stato arrestato. È da qui che la Digos di Trieste, supportata dal Servizio per il Contrasto all'Estremismo e Terrorismo Esterno della Dcpp-Ucigos, ha emesso 5 ordinanze di custodia cautelare in carcere, di cui due estese in ambito europeo, e a 2 misure di custodia agli arresti domiciliari nei confronti di cittadini iracheni di etnia curda. Controlli anche su un italiano, mentre un'altra decina sono gli indagati a livello internazionale. L'operazione, diretta dalla Direzione Distrettuale Antimafia e Antiterrorismo di Trieste, ha riguardato, oltre che il capoluogo giuliano, numerose città  del nord Italia.
 
Le indagini ruotano intorno al 30enne iracheno anche per i suoi contatti con il 22enne siriano, Ahmed Hassan, alias Aziz Aljaf, accusato dell'attentato terroristico del 15 settembre 2017 a Londra. Con un ordigno rudimentale fece esplodere un vagone della metropolitana. Attentato rivendicato poi dall’Isis.

Dai legami terroristici al traffico illegali di migranti. L’iracheno infatti gestiva un vasto e capillare traffico di migranti provenienti dall'area del Kurdistan e diretti in varie parti d'Europa che attraversavano con documenti falsi pagati a peso d’oro. Nonostante il ritiro in Olanda e poi in Germania l’uomo gestiva l’organizzazione grazie ad una fitta rete di sodali e aveva fatto di Trieste punto di snodo della rotta balcanica di numerosi immigrati clandestini, prevalentemente curdi originari dell'area siro-irachena con destinazione finale in Germania, Francia e Paesi del Nord. Sodali che si è scoperto durante le indagini avevano "aperto" basi logistiche nel Nord Italia. 

 
 
Condividi