Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Trump-riceve-Conte-Su-politiche-migranti-Ue-segua-Italia-premier-italiano-Siamo-due-governi-del-cambiamento-a98958d8-a355-40c1-a20f-db7822e6b3bc.html | rainews/live/ | true
MONDO

"Cabina di regia comune per la Libia"

Trump riceve Conte alla Casa Bianca: "Su politiche migranti Ue segua l'esempio dell'Italia"

Il premier italiano: "Siamo due governi del cambiamento". Per quanto riguarda i rapporti con Mosca, Conte spiega: "Siamo aperti al dialogo con la Russia, ma le sanzioni non possono essere rimosse dall'oggi al domani". Il Presidente Trump: "Le sanzioni alla Russia rimarranno così come sono"

Condividi
"Con questo proficuo incontro abbiamo compiuto ulteriore passo in avanti per aggiornare la nostra cooperazione: siamo due governi del cambiamento, tante cose ci uniscono", ha detto il premier Giuseppe Conte durante una conferenza stampa congiunta con il presidente americano Donald Trump, dopo l'incontro alla Casa Bianca. "Io e Conte siamo due outsider della politica", aveva detto poco prima il presidente degli Stati Uniti. "Da oggi avremo una cabina di regia permanente Italia-Usa nel Mediterraneo allargato", ha annunciato il premier italiano. "Gli Usa riconoscono il ruolo di leadership dell'Italia in particolare in Libia".

"Mi congratulo con la leaderdship" del premier Conte "e spero che altri seguano il suo esempio in Europa. Nazioni forti devono avere forti confini", ha detto il presidente Usa Donald Trump alla fine dell'incontro alla Casa Bianca. Sul tema dei dazi Conte dice: "Siamo d'accordo sulla necessità di riformare il Wto. Le regole sono vecchie da anni: non possiamo ancora considerare la Cina come un 'Paese emergente'". 

Per quanto riguarda i rapporti con Mosca, Conte spiega: "Siamo aperti al dialogo con la Russia, ma le sanzioni non possono essere rimosse dall'oggi al domani". Il Presidente Trump conferma: "Le sanzioni alla Russia rimarranno così come sono".

Trump a Conte: "Grazie, stai facendo un lavoro fantastico"
"Grazie stai facendo un lavoro fantastico. Sono molto d'accordo con il lavoro che stai facendo sull'immigrazione legale e illegale". Così Trump ha ringraziato Conte, prima del faccia a faccia. Tra i due una stretta di mano, seduti fianco a fianco nello Studio ovale. Trump ha detto quindi di  apprezzare la politica italiana sull'immigrazione sostenendo che "bisogna essere duri sui confini". E ha sottolineato l'affinità avuta con il premier italiano nel corso del G7 in Canada. "Molti altri Paesi in Europa dovrebbero unirsi all'Italia" sulle politiche in tema d'immigrazione, ha detto Donald Trump nello Studio Ovale.

Il Presidente Usa ha parlato anche di relazioni commerciali. "Come sempre abbiamo un grosso deficit commerciale con l'Italia, 31 miliardi di dollari, lavoreremo su questo" insieme al governo guidato dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte", ha dichiarato Trump. Che ha ringraziato l'Italia per gli ordini di aerei fatti agli Stati Uniti.

I due hanno affrontato anche il nodo della Tap e qui si sono registrate sfumature diverse nelle loro posizioni. Per il presidente americano il gasdotto deve essere completato, "e spero che
questo avverrà e che completerete il gasdotto" dice rivolto a Conte. Che da parte sua assicura che la Tap è un'opera strategica e che "può dare un contributo alla decarbonizzazione che è nel programma di governo". Anche se ammette la preoccupazione delle comunità locali e assicura che "incontrerà personalmente i sindaci per contemperare le esigenze". Ma Trump rimarca: "Voglio un qualcosa di competitivo e spero il primo ministro riuscirà a farlo e a completarlo".

Conte ha diffuso su Instagram una sua foto sorridente mentre firma il 'guestbook' della Casa Bianca (libro degli ospiti). Nella foto, dietro il premier italiano, fa 'capolino', con le mani appoggiate alla poltrona su cui è seduto Conte, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, altrettanto sorridente. Entrambi indossano abiti blu; cravatta in tinta per Conte, a righe (blu e bianche) per Trump.

Razzismo, Conte: no a psicosi, non coltiviamo l'odio
"No alla psicosi che dove c'è una persona nera c'è razzismo. Noi non coltiviamo l'odio e io lo contrasterò con tutte le mie forze", ha poi detto in una successiva conferenza stampa all'ambasciata a Washington, rispondendo a una domanda. E poi: "Ho avuto una chiamata con Daisy. Da stamattina cercavamo di metterci in contatto. Le ho voluto esprimere solidarietà. E' un episodio inqualificabile. Le ho augurato di poter prendere subito gli allenamenti e le ho augurato un futuro radioso", ha aggiunto. "Fermo restando che come lei stessa mi ha riferito non sembrerebbe esserci una matrice razzista - ha aggiunto - chi ha compiuto questo gesto non ha fatto dichiarazioni di tipo razzista. Condannerò sempre comunque violenze di matrice razzista". "Non bisogna confondere determinazione con razzismo: chi pensa che Salvini sia razzista si sbaglia di grosso. Qui si tratta di cambiare le regole sulla migrazione, questo non è razzismo", ha affermato.

Migranti, Conte: primato Italia? Non credo Macron si dispiaccia
"Non credo che Macron ne abbia a male, non si contende il primato, ma si lavora nell' interesse di tutto: stabilizzare il territorio libico e le aree del Mediterraneo", ha detto Conte all'ambasciata a Washington a proposito della cabina di regia Italia-Usa decisa oggi nel vertice alla Casa Bianca e alla domanda se questa iniziativa possa creare uno scontro con il presidente francese Emmanuel Macron. "Come ho detto a Trump - ha spiegato - le rotte immigrati passano dalla Libia. La stabilizzazione è fondamentale. Lavoreremo insieme - ha concluso - non significa che Macron non potrà' dire il suo punto di vista, essere ascoltato". Sul modus operandi della cabina di regia ha aggiunto: "Oggi l'abbiamo varata, prossimamente studieremo i dettagli. Questo significa che i ministri si incontreranno per realizzare questo obiettivo comune".

Migranti, Salvini: anche Trump riconosce lavoro Italia
"Anche Trump riconosce il lavoro che sta facendo il nostro governo sull'immigrazione, citando l'Italia come esempio da seguire in Europa sulla difesa dei confini. Avanti così, è la strada giusta". Così Matteo Salvini, vicepremier e ministro dell'Interno, su Facebook.

Tap, Carfagna: grazie Trump
"Ci voleva Donald Trump per convincere Giuseppe Conte a fare una cosa giusta, normale: proseguire con i lavori della Tap, un'opera strategica per il Paese. Grazie Trump!". Lo scrive su Twitter Mara Carfagna, vice presidente della Camera e deputata di Forza Italia.
Condividi