Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Turchi-Gabriele-del-Grande-libero-Alfano-lo-aspettiamo-1566dc96-fafb-43d6-b533-0d38f3aa31f4.html | rainews/live/ | true
MONDO

Fermato al 9 aprile al confine con la Siria

Turchia. Gabriele Del Grande è libero, Alfano: lo aspettiamo

Il padre a Rainews: "Sta bene, grazie a tutti. Andiamo a prenderlo a Bologna". Gabriele atterrerà in Italia alle 10.15

Condividi

Il giornalista italiano Gabriele del Grande, fermato dalla polizia turca il 9 aprile, è stato liberato. Lo ha annunciato il ministro degli Esteri Angelino Alfano su Twitter.

"Gabriele del Grande è libero. Gli ho parlato adesso, sta tornando in Italia. Ho avuto la gioia di avvisare i suoi familiari. Lo aspettiamo", ha scritto il ministro.



Alfano ha aggiunto di avere ricevuto "questa notte" la notizia della "decisione" da parte del collega turco Mevlut Cavusoglu. "Lo ringrazio", ha aggiunto in un altro tweet.

Il papà: "Andiamo a prenderlo a Bologna"
Emozionato, Massimo Del Grande ha annunciato che il figlio "dovrebbe arrivare verso le 10.15 di questa mattina a Bologna". "Stiamo andando a prenderlo, è un gran giorno", ha detto Del Grande a Rainews 24. "Mi ha chiamato il ministro Alfano. Ci hanno detto che sta bene", ha detto ancora aggiungendo che la prima cosa che farà sarà di "abbracciarlo forte".

Il legale della famiglia: felicissimi per improvvisa liberazione
"Siamo felicissimi. Lo aspettiamo. La notizia è stata improvvisa e ci rende felicissimi. Non vediamo l'ora di riabbracciarlo". Così, questa mattina, al telefono, Alessandra Ballerini, legale della famiglia di Gabriele, commenta emozionata la notizia della sua liberazione. "Dovrebbe essere già in viaggio - aggiunge Ballerini - e dopo che sarà arrivato faremo tutte le valutazioni".

Alfano: "Notte passata al lavoro"
"La notte è passata al lavoro, è stato un lavoro in realtà silenzioso in questi giorni, comunque è andata bene, sono molto soddisfatto di questo" ha detto a Rainews il ministro degli Esteri commentando la liberazione di del Grande. "Sono davvero soddisfatto del lavoro che è stato fatto da tutti e del fatto che Gabriele torni a essere un uomo libero".

Arrestato il 9 aprile al confine con la Siria
Del Grande era stato arrestato il 9 aprile al confine fra Turchia e Siria, dove si era recato per raccogliere materiale per un libro sui profughi siriani. Le autorità turche non avevano reso noti i motivi del fermo. Solo il 21 aprile, il console italiano a Smirne Luigi Iannuzzi e l'avvocato turco Taner Kilic avevano potuto visitarlo nel centro di Moglu dove era detenuto.

Giornalista, blogger, il 34enne Del Grande, originario di Lucca, è il regista di "Io sto con la sposa", docufilm del 2014 sulla vera vicenda di un gruppo di profughi siriani accompagnati in Svezia con lo stratagemma di un corteo nuziale.
Condividi