Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Tv-Libia-Haftar-viola-la-tregua-raid-aeroporto-di-Tripoli-766a23e7-49c9-4693-a8f0-26285f9ab196.html | rainews/live/ | true
MONDO

Eid al Adha

Tv Libia: Haftar viola la tregua, raid sull'aeroporto di Tripoli. Voli sospesi

Razzi anche su un quartiere residenziale, feriti tre civili. L'aeroporto Mitiga di Tripoli ha interrotto i voli "fino a nuovo ordine" dopo il bombardamento di questa mattina

Condividi
Le forze del generale Khalifa Haftar hanno violato la tregua chiesta dall'Onu per la festività islamica di Eid al Adha bombardando l'aeroporto civile di Mitiga (a Tripoli, ndr) e un quartiere residenziale nella zona di Souq Al Jum'aa, nella capitale.

Lo riferisce la tv libica Al Ahrar su Twitter. Tre civili sono rimasti feriti dai razzi lanciati sul quartiere.

Ieri sia Haftar sia il governo di Tripoli di Al Serraj, riconosciuto dalla comunità internazionale, avevano accolto la proposta di un cessate il fuoco. 

L'aeroporto Mitiga di Tripoli ha interrotto i voli "fino a nuovo ordine" dopo il bombardamento di questa mattina. Lo annuncia l'autorità aeroportuale

Governo d'intesa condanna l'attentato di Bengasi 
Il governo libico d'intesa nazionale, che fa capo a Fayez Al Serraj, ha intanto condannato con forza l'attentato di ieri a Bengasi, in cui sono morti tre funzionari dell'Onu. "Il consiglio presidenziale del governo d'intesa nazionale condanna, nei termini più forti - si legge sulla pagina Facebook del Gna - l'attentato terroristico avvenuto nella zona di al Hawari, nella città di Bengasi, al passaggio del convoglio della missione degli Stati Uniti in Libia in cui sono morte tre persone e decine di altre sono rimaste ferite". 

In una nota, l'Alto consiglio di Stato punta il dito contro "la forza che controlla la città di Bengasi", ovvero le truppe di Haftar, città che "in questi ultimi giorni ha visto rapimenti, uccisioni, sparizioni e altri atti terroristici e criminali perpetrati da chi dice di voler proteggere la città mentre attacca Tripoli con la scusa di volerne ristabilire la sicurezza". 
Condividi