Original qstring: refresh_ce | /dl/rainews/articoli/Usa-Pompeo-Mosca-ha-violato-trattato-nucleare-pronti-a-nuovo-accordo-38f4b112-42fc-4f5d-9d64-d28889703b96.html | rainews/live/ | true
MONDO

"Ci vorranno sei mesi"

Usa, Pompeo: Mosca ha violato trattato nucleare, pronti a nuovo accordo

Il segretario di stato americano spiega la decisione presa dal presidente degli Stati Uniti, Donald Trump di ritirare la partecipazione degli Usa dallo storico trattato che pose fine alla guerra fredda. "Non possiamo più essere vincolati da un accordo mentre la Russia lo viola in maniera vergognosa"

Condividi

"La Russia ha violato per anni senza scrupoli il trattato sulle armi nucleari e non ha mostrato alcun serio impegno nel volerlo rispettare": così il segretario di stato americano Mike Pompeo ha motivato la decisione dell'amministrazione Trump di ritirare la partecipazione degli Usa dal trattato Inf (Intermediate-Range Nuclear Forces Treaty) .

"Gli Stati Uniti hanno fatto di tutto per preservare questo trattato - ha aggiunto Pompeo - ma la Russia ha messo e mette a rischio gli interessi degli Stati Uniti sul fronte della sicurezza. Per questo - ha proseguito il segretario di Stato Usa - non possiamo più essere vincolati da un accordo mentre la Russia lo viola in maniera vergognosa".




Lo storico accordo, firmato l'8 dicembre 1987 dall'allora presidente americano Ronald Reagan e dal russo Mikhail Gorbaciov, portò alla distruzione di ben 2.692 missili, 846 americani e 1.846 russi e fu una delle pietre miliari della fine della guerra fredda. Pompeo ha aggiunto che gli Stati Uniti sono pronti ad avviare un negoziato con Mosca a largo spettro sul controllo delle armi.

"Siamo ancora pronti e disponibili a impegnare Mosca sul fronte del controllo delle armi nucleari": ha detto il segretario di stato americano, ricordando poi che ci vorranno sei mesi perché il ritiro Usa dal trattato Inf entri in vigore. Un arco di tempo in cui si potrebbe lavorare a una nuova intesa". Pompeo ha ribadito, inoltre,  che "la forza e l'unità dell'Alleanza Atlantica sono la chiave della sicurezza internazionale".  Lo stesso presidente Trump, in serata, ha detto che è necessario che Russia e Usa siedano nella stenza stanza per affrontare la questione.

Mosca: misure in risposta all'uscita Usa dal trattato
"Mosca si riserva il diritto di reazioni corrispondenti e di misure in risposta" all'annuncio degli Stati   Uniti. Lo afferma la portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova. "Naturalmente, sarà fatto", aggiunge nell'intervista all'emittente Rossiya-1.

Berlino: senza trattato Inf ci sarà meno sicurezza
"Senza il trattato ci sarà meno sicurezza". Lo ha detto il ministro degli esteri tedesco, Heiko Maas, via Twitter, commentando l'intenzione ufficializzata dagli Usa di uscire dal trattato anti-missile Inf. "Non abbiamo bisogno di un dibattito sul riarmo ma di un controllo comprensivo sugli armamenti", ha proseguito il ministro tedesco. "Purtroppo la Russia non è pronta a ristabilire la fedeltà al trattato", ha aggiunto Maas.

Onu: Usa e Russia usino la finestra di 6 mesi per colmare le differenze
Il segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres, "spera che le parti usino i prossimi sei mesi per risolvere le loro divergenze attraverso il dialogo". Così il portavoce del Palazzo di Vetro, Stephane Dujarric, ha commentato la decisione degli Usa di sfilarsi dal trattato con la Russia sul controllo delle armi nucleari. Sottolineando che l'Inf è una parte molto importante nell'architettura sul disarmo.

Condividi