Original qstring: refresh_ce | /dl/rainews/articoli/Usa-sparatoria-in-sinagoga-a-San-Diego-arrestato-un-19enne-9b0162cd-a2d5-4fec-a161-7c46ed335965.html | rainews/live/ | true
MONDO

Una donna è morta e altre tre persone sono rimaste ferite

Usa: sparatoria in sinagoga a San Diego, arrestato un 19enne

Lo sceriffo della contea ha spiegato che gli investigatori stanno prendendo in considerazione il crimine di odio e le violazioni dei diritti civili. Trump: è un crimine d'odio

Il luogo della sparatoria
Condividi
È stato arrestato John Earnest, un 19enne residente a San Diego, ritenuto responsabile dell'attentato alla sinagoga a Poway , in California nella contea di San Diego, un tranquillo centro residenziale di livello medio alto con 48mila abitanti, dove una donna è morta e altre tre persone sono rimaste ferite. Lo sceriffo della contea, William Gore, ha spiegato che investigatori dell'FBI e detective della omicidi hanno ascoltato il ragazzo, che non ha precedenti penali, ha detto Gore in una conferenza stampa, aggiungendo che gli investigatori stanno prendendo in considerazione il crimine di odio e le violazioni dei diritti civili. 

L'attacco si è verificato alle 11.30 locali, nell'ultimo giorno della cerimonia per la festività di Passover, la Pasqua ebraica. Le autorità hanno isolato l'area attorno alla sinagoga. La polizia sta anche verificando se il giovane abbia avuto qualche collegamento con un incendio doloso recente che si è verificato in una  moschea nella zona. "In questo momento sembra un crimine di odio", ha detto il presidente americano Donald Trump. "Le mie più sentite condoglianze vanno alle famiglie colpite", ha aggiunto. Diversi vicini hanno riferito al sito del San Diego Union Tribune di aver udito i colpi d'arma da fuoco. La polizia  tiene sotto controllo per precauzione le altre sinagoghe dell'area.

La sparatoria avviene esattamente sei mesi dopo che un uomo armato ha ucciso 11 persone in una sinagoga di Pittsburgh, l'attacco più cruento alla comunità ebraica nella storia degli Stati Uniti.

Manifesto online, rivendicazione anche per incendio in moschea
L'uomo arrestato aveva pubblicato ieri online un manifesto in cui si descriveva come "suprematista bianco" e "anti semita" e annunciava di voler uccidere degli ebrei. Nel documento, scrive il Washington Post, Earnest rivendica di aver dato fuoco un mese fa ad una moschea nella località  californiana di Escondido, a poche miglia dalla sinagoga in cui è avvenuta la sparatoria.

Israeliani 2 dei 3 feriti
Sono israeliani due dei tre feriti nella sparatoria alla sinagoga. Un portavoce del ministero degli Esteri israeliano ha spiegato che la bambina di otto anni e lo zio di 31 feriti nell'attacco a Poway, a nord di San Diego, provengono da Sderot al confine con Gaza e sono negli usa da pochi anni. Le loro condizioni sembra siano "buone".

Netanyahu: "Colpo al cuore del popolo ebraico"
L'attacco alla sinagoga in California ''è un colpo inferto al cuore del popolo ebraico'': lo ha detto il premier israeliano Benyamin Netanyahu che ha inviato condoglianze ai familiari della donna uccisa e auguri di guarigione ai feriti. ''La comunità internazionale - ha aggiunto - deve rafforzare gli sforzi nella lotta all'antisemitismo''. Alla luce del moltiplicarsi degli attacchi antisemiti nel mondo il premier ha indetto per questa settimana una consultazione speciale con esperti del ramo.
Condividi