Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Vaccini-Brusaferro-Nessun-rinvio-della-terza-dose-per-i-sanitari-43241cfe-05b0-4c10-b148-abab862933fa.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

"Ottica di massima precauzione"

Vaccini, Brusaferro: "Nessun rinvio della terza dose per i sanitari"

"La somministrazione di un'ulteriore dose di vaccino viene indicata progressivamente per: gli ultraottantenni, i residenti nelle Rsa, persone ultrafragili e operatori sanitari a partire da quelli più a rischio" ha dichiarato in una nota il portavoce del Cts

Condividi
Per la terza di vaccino Covid "non sono previsti rinvii per gli operatori sanitari": è quanto dichiara Silvio Brusaferro, portavoce del Cts e presidente dell'Iss. "Nel costante perseguimento di un'ottica di massima precauzione,la somministrazione di un'ulteriore dose di vaccino viene indicata progressivamente per gli ultraottantenni, i residenti nelle RSA, persone ultrafragili e operatori sanitari a partire da quelli più a rischio", si legge in una nota.

In agenda per lunedì le decisioni sulla riduzione della quarantena nelle scuole (solo al compagno di banco in caso di positività) e sull'aumento della capienza per gli eventi e gli spettacoli (stadi, concerti, cinema e teatri). Prorogata al 30 novembre 2021 la validità e la possibilità di rilascio delle certificazioni di esenzione alla vaccinazione anti-COVID-19.

Intanto,i dati del contagio "sono in calo in tutte le fasce di età", sottolinea il presidente dell'Iss. Un trend che vale pure per i ragazzi anche se c'è un eccezione ovvero la fascia 0-9 anni dove la tendenza è "stabile". Difficile dire se ciò possa dipendere dall'inizio dell'anno scolastico in un range di età non compreso fra quelli vaccinabili. "E' presto per vedere un eventuale effetto sui dati epidemiologici. Per ora la situazione è buona", sottolinea Gianni Rezza direttore della prevenzione del ministero della Salute, mettendo in luce come sulle scuole si stia "lavorando molto" con un monitoraggio "assiduo".

E per lo screening negli istituti con il passare del tempo la prassi diventerà quella dei test salivari molecolari. Uno strumento che, secondo quanto prevede una circolare emanata dal ministero della Salute, possono essere considerati un'opzione alternativa ai tamponi oro/nasofaringei in individui (sintomatici o asintomatici) fragili con scarsa capacità di collaborazione (ad esempio anziani in RSA, disabili, persone con disturbi dello spettro autistico), e nell'ambito di attività di screening in bambini coinvolti nel Piano di monitoraggio della circolazione di Sars-CoV-2 in ambito scolastico. 

Palù: "Per terza dose a tutti si deciderà in base a curva casi"
"Dipenderà dall'andamento della curva epidemica nel Paese, dalla circolazione globale del virus e dalla durata dell'immunità sia naturale sia artificialmente acquisita con la vaccinazione nei vari strati di popolazione".Così Giorgio Palù, presidente dell' Agenzia italiana del farmaco(Aifa) ed esponente del Cts, parlando di un'eventuale terza dose del vaccino anti-Covid a tutta la popolazione, in un'intervista al Corriere della Sera.   "Gli studi sul campo stanno dimostrando che, dopo circa sei mesi, si assiste a un certo calo della risposta anticorpale e alla possibilità di infettarsi - aggiunge -. Ricordo però che gli attuali vaccini, allestiti contro un virus in circolazione ormai da due anni, sono ancora efficacissimi nel proteggerci dal Covid grave e dall'evento letale".
Condividi