Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Via-libera-del-CdM-a-Quota-100-le-norme-2afe9f29-48fb-416a-b4c3-2b69dc605e41.html | rainews/live/ | true
POLITICA

Via libera del CdM a Quota 100: ecco le norme

Condividi

Quota 100 è una misura a valore sul triennio 2019-2021 e riguarderà - secondo il governo - un milione di pensionati nel triennio. L'investimento sarà di 22 miliardi.

CHI PUO' USUFRUIRNE
Puo' andare in pensione chi ha 62 anni di eta' e 38 anni di versamenti "senza alcuna penalizzazione".

QUANDO
Il primo aprile 2019 potranno andare in pensione i lavoratori privati che hanno maturato i requisiti entro il 31 dicembre 2018 e poi ogni 3 mesi dal raggiungimento dei requisitiDopo 3 mesi i lavoratori privati a partire dal 1 gennaio 2019. I lavoratori pubblici potranno andare in pensione dal 1 agosto 2019 e poi ogni 6 mesi dal raggiungimento dei requisiti. Dal 1 settembre i lavoratori della scuola.

DIVIETO DI CUMULO
La pensione non e' cumulabile con redditi da lavoro dipendente o autonomo ma e' cumulabile con redditi da lavoro occasionale fino a 5 mila euro massimo.

APE SOCIALE
Prorogata fino al 31 dicembre 2019.

OPZIONE DONNA
Le lavoratrici a 58 anni se dipendenti e 59 se autonome potranno andare in pensione se hanno almeno 35 anni di contributi al 31 dicembre 2018.

PENSIONE ANTICIPATA
E' possibile andare in pensione in anticipo con 42 anni e 10 mesi di contributi, se uomini, e con 41 anni e 10 mesi di contributi, se donne.

PACE CONTRIBUTIVA
Per il triennio 2019-2021 si potra' riscattare periodi di buco contributivo non obbligatori per massimo 5 anni. Condizioni agevolate entro i 45 anni d'eta' per il riscatto dei periodi di laurea. L'onere sara' detraibile al 50% in 5 quote annuali, con rateizzazione fino a 60 rate mensili.

TFS STATALI
Per tutti i pensionati pubblici (non solo quota 100) e' prevista la possibilita' di avere subito l'anticipo di fine rapporto fino a 30.000 euro. Gli interessi, ha assicurato la ministra della Pa, Giulia Bongiorno, saranno per il 95% a carico dello Stato.

LAVORATORI PRECOCI
Ai lavoratori precoci non si applicano gli adeguamenti alla speranza di vita. I lavoratori precoci potranno quindi andare in pensione con 41 anni di contributi. Il diritto al trattamento pensionistico decorre dopo 3 mesi dalla data di maturazione dei requisiti.

Condividi