Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Via-libera-del-Consiglio-dei-ministri-al-decreto-urgenze-per-Genova-Ischia-e-Centro-Italia-9c21e56c-b836-4ab2-84e8-2cd1f8b0ed65.html | rainews/live/ | (none)
POLITICA

Approvato anche il decreto "concretezza"

Via libera del Consiglio dei ministri al decreto "urgenze" per Genova, Ischia e Centro Italia

Il governatore Toti nominato commissario per l'emergenza a Genova, ma non c'è il nome del commissartio straordinario per la ricostruzione. Toninelli: sensori per controllo h24 infrastrutture. Bongiorno: impronte contro i furbetti del cartellino

Condividi
Disco verde del Consiglio dei ministri al decreto "urgenze" - su Genova, Ischia e Centro Italia - e al decreto "concretezza". Lo anticipa ai cronisti la ministra per il Sud, Barbara Lezzi, uscendo da Palazzo Chigi, al termine della riunione di governo. Il Consiglio dei ministri si è concluso dopo circa due ore.  

Conte: governatore Toti nominato commissario per l'emergenza a Genova
"Abbiamo nominato il commissario per l'emergenza nella persona del governatore Toti", ha annunciato il premier Giuseppe Conte in conferenza stampa dopo il Consiglio dei ministri. "A Genova abbiamo detto che saremmo tornati presto: domani sarò a Genova a ricordare la triste ricorrenza, ma non torno a mani vuote, torno con questo decreto per consentire l'intrapresa per il ripristino delle condizioni di vita delle popolazioni locali".

Ponte Morandi, nome commissario per la ricostruzione non c'è
Il nome del Commissario ad hoc per la ricostruzione dopo il crollo del Ponte a Genova "non c'è. Chiaramente ci riserviamo di farlo con un decreto del presidente del Consiglio successivamente", ha poi precisato il premier. 

Conte: ascolterò contributi Toti e Bucci 
"Presenterò il lavoro del governo a Toti e Bucci, ascolterò i loro contributi. Mi sono sentito ieri sera e oggi due volte con Toti, c'è un dialogo continuo", ha aggiunto Conte, spiegando che il decreto Emergenze è stato approvato "salvo intese" con gli enti locali.

Toninelli: sensori per controllo h24 infrastrutture 
Con il decreto 'urgenze' che istituisce l'Agenzia per la sicurezza di strade, autostrade e ferrovie, arriva anche l'obbligo di applicare "semplici sensori" che consentiranno "il monitoraggio costante, sette giorni su sette, h24 delle nostre infrastrutture". Lo ha detto il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli al termine del Cdm, spiegando che "in seguito alle segnalazioni quali infrastrutture dovranno essere monitorate, che dialogano con i satelliti, un semplice spostamento millimetrico produrrà un allarme blocco infrastruttura".  

Nasce l'agenzia nazionale per la sicurezza 
Il Consiglio dei ministri ha inoltre deciso di istituire un'agenzia nazionale per la sicurezza delle infrastrutture, annuncia Toninelli, aggiungendo che "saranno assunti 250 giovani ingegneri" con il compito di verificare lo stato delle infrastrutture del Paese per "passare dalla logica dell'emergenza a quella della prevenzione". L'agenzia sarà "un vero organo di ispezione e verifica", eventualmente obbligando gli enti gestori a mettere in sicurezza le infrastrutture e, nel caso non lo facessero, si potrà anche bloccare la viabilità nelle aree a rischio. Il monitoraggio sarà "costante" e, pertanto, si tratterà di "un'opera titanica" che sarà portata avanti anche con l'ausilio di un archivio informatico nazionale.

Toninelli: pedaggi cresciuti più del previsto, ora vigiliamo 
"Le tariffe autostradali sono aumentate molto più dell'inflazione finora perché non c'era un ente che andasse a definire i dati scientifici, sommati i quali ne derivava il costo di un pedaggio autostradale". Con il decreto "ci sarà un controllo sulle concessioni e sulle tariffe applicate da queste", spiega il ministro per i Trasporti e le Infrastrutture. In questo modo "i costi dei pedaggi potranno calare".

Bongiorno: impronte contro furbetti cartellino 
"Abbiamo approvato la rilevazione biometrica delle presenze, non è punitivo, ma tutela i dipendenti che lavorano, quelli che non sono fannulloni", dice la ministra per la Pubblica amministrazione Giulia Bongiorno in conferenza stampa a Palazzo Chigi. Una misura contro "i furbetti del cartellino". Grazie a impronte digitali "si identifica chi entra al lavoro". Poi: via libera alle assunzioni per un "numero pari all'80% di quelle previste e poi verranno fatte verifiche puntuali. Questo consentirà di avere nell'immediatezza un ricambio generazionale ma saranno assunzioni mirate".

Nominati 3 viceministri
Il Consiglio dei ministri, su proposta dei ministri competenti, ha deliberato l'attribuzione del titolo di viceministro ai seguenti sottosegretari: on. Dario Galli allo Sviluppo economico; on. Edoardo Rixi alle Infrastrutture e trasporti; on. prof. Lorenzo Fioramonti all'Istruzione, università e ricerca.

Anzaldi (Pd):  Dl urgenze è presa in giro
"L'annuncio del governo di approvazione del decreto per Genova è una presa in giro. Se davvero il decreto è stato approvato, non si capisce come Conte pensi di recepire domani i contributi del governatore Toti e del sindaco Bucci, e quindi prende in giro le istituzioni della città". Lo scrive su Facebook il deputato del Pd, Michele Anzaldi.

"Se invece il decreto - prosegue Anzaldi - non è stato approvato, e quindi deve essere ancora messo a punto e scritto anche con le indicazioni degli enti locali, ad essere presi in giro sono tutti gli italiani, che nei telegiornali di stasera vengono informati di un decreto fantasma. La formula 'salvo intese', che normalmente si riferisce a piccoli aggiustamenti di carattere burocratico e non certamente a modifiche sostanziali, serve solo a nascondere che dopo un mese dalla tragedia del Ponte Morandi il Governo non è ancora d'accordo su nulla e farà perdere altro tempo ai genovesi. Basterà vedere quanto dovremo attendere per la pubblicazione della versione finale del dl".
Condividi