Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Vicenza-36f864d9-8a3a-4eec-8cce-0d64bd726773.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Fuga durata 24 ore

Donna uccisa a colpi di pistola nel Vicentino, arrestato il presunto assassino

L'uomo rintracciato dai carabinieri poco lontano da casa

Condividi
E' stato arrestato dai carabinieri l'uomo accusato di aver ucciso la moglie a colpi d'arma da fuoco nel Vicentino. La conferma arriva da fonti investigative. I militari lo hanno rintracciato poco lontano da casa.

Sarebbe stato lui a sparare alla moglie, una donna nigeriana di 30 anni, ieri mattina nel posteggio dell'azienda dove la donna lavorava a Noventa Vicentina.

Immediatamente è partita la caccia all'uomo che ha portato i militari diretti dal maggiore Marcello Capodiferro a rintracciare e arrestare il presunto assassino. 

È durata dunque poco più di 24 ore la fuga di Pierangelo Pellizzari, 61 anni, che all'alba di ieri, a Noventa Vicentina, ha ucciso sua moglie, Rita Amenze, 31enne di origini nigeriane, con 4 colpi di pistola sparati a bruciapelo. La donna è morta sotto gli occhi increduli delle colleghe che, come lei, in quel momento erano lì per iniziare il turno di lavoro.

Pellizzari, secondo quanto hanno riferito i testimoni, è sceso dalla sua auto, ha sparato ed è rientrato in macchina, andando via. È iniziata così la sua fuga, terminata oggi poco dopo mezzogiorno, quando è stato arrestato dai carabinieri di Vicenza.

Sotto costante controllo la casa della coppia, a Villaga, nel Vicentino, dove i due vivevano, circondata dai carabinieri. Ed è lì che stamattina, tornato sui suoi passi, Pellizzari li ha trovati ad attenderlo. Disarmato e senza opporre resistenza, l'uomo è stato fermato e condotto in caserma. Il 61enne si è avvalso della facoltà di non rispondere nel corso dell'interrogatorio, durato 4 ore, con i sostituti procuratori della Procura di Vicenza Hans Roderich Blattner e Angelo Parisi.

Rita Amenze, in famiglia, era l'unica a lavorare. Lui era disoccupato e svolgeva piccoli lavori saltuari. Lei aveva interrotto la loro convivenza da qualche tempo, almeno una settimana, secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, da quando era rientrata dalla Nigeria, dove aveva trascorso l'estate insieme con i figli avuti da una precedente relazione. 
Condividi