Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Whirlpool-Mise-Orlando-Todde-Giorgetti-Annibaletti-Invitalia-Regione-Campania-Fim-Fiom-Uilm-Uglm-233aef79-9f66-4b9b-9215-59530a5475bb.html | rainews/live/ | true
ECONOMIA

Tavolo al Mise

Whirlpool, Orlando: "Pronti a garantire continuità occupazionale"

All'incontro presenti il ministro Andrea Orlando, la viceministra Alessandra Todde, sindacati, Invitalia e regione Campania. "Whirlpool deve spiegare tempi e modalità della cessione", dice Orlando. Prossimo incontro fissato per il 2 novembre 

Condividi
di Tiziana Di Giovannandrea Il Ministero del Lavoro "è pronto a mettere in atto tutti gli strumenti per garantire la continuità occupazionale dei lavoratori Whirlpool". A ribadirlo all'odierno tavolo al Mise, è stato il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Andrea Orlando. Una transizione al momento non semplice: "Whirlpool deve spiegare tempi e modalità della cessione", ha detto il titolare del dicastero del Lavoro.

Al Ministero dello Sviluppo Economico-Mise si è svolto un nuovo tavolo interlocutorio, in presenza, sul futuro industriale del sito Whirlpool di Napoli.  All'incontro, presieduto dalla viceministra Alessandra Todde, è stato presente oltre che il ministro del Lavoro, Andrea Orlando anche il coordinatore della Struttura per le crisi d'impresa, Luca Annibaletti , Invitalia, la Regione Campania e i segretari nazionali di Fim Fiom Uilm e Uglm.

I sindacati si aspettano una risposta concreta per i 340 lavoratori del sito di Napoli a rischio di licenziamento. L'incontro odierno, che è stato aggiornato al 2 novembre prossimo, non ha fatto molta luce sul destino dei lavoratori per i quali il Governo aveva aperto negli incontri precedenti un impegno su una possibile continuità occupazionale a fronte di una cessione di ramo d'azienda da parte della multinazionale. La viceministra Alessandra Todde,  sarà a Napoli domani per far visita allo stabilimento partenopeo dalle 14.45 dove incontrerà lavoratori e sindacato.

Todde: avanti lavoro Consorzio ma senza passo chiaro dell'azienda non si sblocca situazione
''Whirlpool sembrerebbe disponibile a venire incontro alle richieste di garantire la transizione dei lavoratori, ma ad oggi non ha ancora specificato le modalità e i tempi. Quindi è chiaro che senza un passo chiaro dell'azienda è difficile sbloccare la situazione". Così si è espressa la sottosegretaria allo Sviluppo, Alessandra Todde che ha sintetizzato i lavori del tavolo sul sito Whirlpool di Napoli.  "Il lavoro del Consorzio va avanti, il Governo continua chiaramente a portare avanti gli impegni presi", ha ribadito sottolineando come da parte Mise ci sia la disponibilità a supportare la situazione, con tutti gli strumenti a nostra disposizione''.

Il lavoro del Consorzio a Napoli, prosegue: Invitalia ha annunciato che gli impegni industriali ad oggi assunti confermano la disponibilità ad assorbire tutti i lavoratori napoletani ed a presentare il piano definitivo il 15 dicembre.

Sindacati: da Governo ancora nessuna azione concreta
"All'impegno politico non è ancora seguita alcuna azione concreta da parte del Governo davvero utile a garantire il passaggio diretto dei lavoratori" da Whirlpool al Consorzio che deve sorgere sul sito napoletano. È la critica dei sindacati che chiedono ai ministri dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti e del Lavoro Andrea Orlando e alla viceministra Alessandra Todde di "declinare finalmente gli strumenti con cui intendono intervenire, poiché le promesse non possono e non devono rimanere inevase". Nell'incontro al Ministero dello Sviluppo economico, "il Governo - riferiscono Fim, Fiom e Uilm - ha ribadito la volontà di assicurare la continuità occupazionale per i lavoratori di Napoli, ma, alla nostra richiesta di azioni concrete, non è ancora entrato in alcun dettaglio operativo".  Fim, Fiom e Uilm hanno precisato che durante il tavolo al Mise è stato anche sottolineato che "la stessa Whirlpool non ha rifiutato in linea di principio la possibilità di un trasferimento di azienda, ma si è riservata di valutare con i legali l'eventuale operazione". Inoltre, "Invitalia, nel confermare la progressione del Consorzio, ha annunciato che gli impegni industriali ad oggi assunti confermano la disponibilità ad assorbire tutti i lavoratori napoletani ed a presentare il piano definitivo il 15 dicembre". I sindacati hanno concluso assicurando che proseguiranno la  vertenza legale e che venerdì 29 ottobre manifesteremo con tutti i lavoratori di Whirlpool presso la sede di Cassinetta in provincia di Varese.

Sul fronte giudiziario è attesa a giorni la sentenza del giudice del Tribunale di Napoli. All'udienza di venerdì 22 ottobre, per il ricorso presentato dai sindacati Fim, Fiom e Uilm per comportamento antisindacale contro la multinazionale americana, il prossimo dibattimento è stato rinviato a mercoledì 27 ottobre alle ore 12, al fine di scongiurare l'avvio dei licenziamenti collettivi, per i 340 metalmeccanici napoletani. Dopo un primo ascolto preliminare il giudice, Maria Rosaria Lombardi, nell'udienza del 22 ottobre ha aggiornato la seduta al 27 ottobre perché la Whirlpool "ha presentato un documento in inglese" hanno fanno sapere i  segretari territoriali delle sigle sindacali. La documentazione va presentata in italiano.
Condividi