Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Zelensky-firma-il-decreto-Ucraina-al-voto-il-21-luglio-Poroshenko-indagato-per-alto-tradimento-83ebe1de-d4d1-49a3-a4b8-6a4400b3aceb.html | rainews/live/ | true
MONDO

Kiev

Zelensky firma il decreto che scioglie il Parlamento, Ucraina al voto il 21 luglio

L'ex presidente Poroshenko indagato per alto tradimento in merito all'incidente nello stretto di Kerch tra navi ucraine e russe 

Condividi
Il presidente ucraino Vladimir Zelensky ha firmato il decreto con cui scioglie il Parlamento, la Rada, e istituisce le elezioni anticipate il 21 di luglio. Lo riportano i media ucraini. Il giorno dopo l'insediamento come presidente, prima di firmare il  decreto, Zelensky ha discusso della questione con il presidente della Verkhovna Rada, Andry Paruby, e con i leader dei diversi gruppi parlamentari. "La ragione reale per sciogliere il Parlamento è che gli ucraini hanno un livello di fiducia molto basso in questa istituzione, con solo il quattro per cento di loro che dicono di averne. Questa è  la valutazione del lavoro del Parlamento e la ragione principale per porre fine al suo lavoro", ha dichiarato Zelensky precisando che la ragione formale è che dal 2016 non c'è più una coalizione di governo.

Poroshenko indagato per alto tradimento
L'Alto ufficio investigativo ucraino ha aperto un procedimento penale sull'incidente nello stretto di Kerch tra le imbarcazioni ucraine e russe avvenuto nel novembre del 2018 e ha iscritto l'ex presidente Petro Poroshenko nel registro degli indagati con l'ipotesi di "alto tradimento". Lo riporta ufficio stampa dell'ente, citato da Interfax. L'inchiesta è stata avviata da Andriy Portnov, ex vice capo dello staff dell'ex presidente ucraino Viktor Yanukovich.

L'incidente con i russi nello Stretto di Kerch
L'agenzia ha confermato che le indagini riguardano gli eventi del 25 novembre 2018, quando un gruppo di navi della Marina ucraina è stato dispiegato dal Mar Nero al Mare di Azov attraverso lo Stretto di Kerch. Secondo il rapporto, Portnov ha presentato il suo "primo rapporto" sulle azioni dell'allora presidente Petro Poroshenko nel novembre 2018. "Crediamo che sia coinvolto in alto tradimento, tentata presa di potere e abuso d'ufficio", ha scritto Portnov su Facebook motivando la richiesta di apertura dell'indagine preliminare. Secondo Portnov vanno interrogati, oltre a Poroshenko, i "membri del Consiglio nazionale ucraino per la sicurezza e la difesa, il capo dello Stato maggiore e comandante delle forze armate ucraine, il comandante della marina, e altri funzionari che potrebbero avere relazione con tali eventi". 
Condividi