Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/aereo-scomparso-indiscrezioni-volo-mh370-malaysia-airlines-pilotato-come-un-caccia-militare-jet-ccda38c4-506a-461f-a83a-69de9aa412be.html | rainews/live/ | true
MONDO

Nuove indiscrezioni sul volo MH370

Aereo scomparso, ''pilotato come un caccia militare"

Lo riporta la stampa britannica che cita l'Aeronautica malese. Per evitare che l'aereo fosse individuato - riferisce la fonte investigativa - il pilota portò il velivolo in picchiata da 45mila a 10mila piedi e poi fino ad appena 5mila 

le ricerche dell'aereo scomparso (Ap)
Condividi
Già da ieri circolava questa indiscrezione: secondo quanto riferisce la stampa britannica, l'aereo della Malaysia Airlines, "fu pilotato come un jet militare" subito dopo la scomparsa dai radar lo scorso 8 marzo. E' quanto trapela dalle indagini condotte dall'Aeronautica malesiana sul volo MH370 di cui si sono perse le tracce dall'8 marzo scorso con a bordo 239 persone. Per evitare che l'aereo fosse individuato, il pilota lo portò in picchiata da 45mila a 10mila piedi e poi fino ad appena 5mila. Manovre così brusche dimostrano, secondo la fonte interna alle indagini, che il pilota "tentava di evitare i radar". Il Boeing 777 volava "molto basso e ad altissima velocità", ha aggiunto la fonte. 

Robot sottomarino l'unica speranza per trovare i rottami
Per quanto invece riguarda le ricerche, sarebbe riposta in un robot sottomarino l'ultima speranza di ritrovare i rottami dell'aereo precipitato nell'Oceano Indiano meridionale. A cinque settimane dalla scomparsa, le batterie della scatola nera sono ormai scariche ed è impossibile localizzarlo con i sonar. Il coordinatore delle operazioni, Angus Houston, ha annunciato che nella zona in cui si sono concentrate le ricerche e' stata avvistata una traccia di carburante. Il robot sottomarino 'Bluefin-21' sarà impiegato "il prima possibile", ha spiegato Houston. Il 'drone' subacqueo dovrebbe scendere a una profondità tra i 4mila e i 4.500 metri e scandagliare i fondali dell'oceano, elaborando una mappa 3D. Il robot rimarrà 16 ore a quella profondità e sarà in grado di segnalare la presenza dei rottami dell'aereo. Il volo MH370 scomparve dai radar l'8 marzo, mentre era in volo tra Kuala Lumpur e Pechino. Rimane tutt'ora un mistero come l'aereo sia potuto precipitare nell'Oceano indiano al largo dell'Australia, a migliaia di chilometri dalla rotta stabilita.
Condividi