Original qstring: refresh_ce | /dl/rainews/articoli/afghanistan-allarme-onu-18-milioni-di-persone-ridotte-alla-fame-bimbi-malnutriti-ba257494-fe8b-4e49-885c-bd6db6843184.html | rainews/live/ | true
MONDO

Parte vaccinazione polio

Afghanistan, allarme Onu: 18 milioni di persone ridotte alla fame

Nel Paese si stima che, entro il 2021, quasi metà della popolazione avrà bisogno di assistenza per sopravvivere. Servono 1,3 miliardi di dollari

Condividi
L'Onu lancia l'allarme: il popolo afghano è stremato e bisognoso di pace, dopo decenni di guerra, catastrofi naturali e la pandemia.

Sono 18 milioni le persone ridotte alla fame ed è per questo che le Nazioni Unite rivolgono un appello per reperire 1,3 miliardi di dollari di finanziamenti. In 4 anni la popolazione bisognosa è cresciuta di 6 volte e la situazione è grave per l'infanzia: un bimbo su due è malnutrito.

"Per sopravvivere le persone si indebitano e non solo, favoriscono i matrimoni precoci delle giovani figlie e cercano di far lavorare i ragazzi invece di mandarli a scuola", ha dichiarato Parvathy Ramaswami, coordinatrice umanitaria delle Nazioni unite per l'Afghanistan.

Secondo l'Onu, è necessario intervenire presto perché la sopravvivenza di milioni di persone dipende dagli aiuti umanitari e dalla capacità di reperire risorse finanziarie sufficienti. "Le conseguenze di finanziamenti tardivi o insufficienti sarebbero disastrose" sottolinea Ramaswami. 

Negoziati e vaccini
Uno spiraglio di speranza, secondo le Nazioni Unite, arriva dai negoziati avviati di recente tra i gruppi in lotta: "Dopo decenni di guerra, le persone sono mentalmente esauste e anelano alla fine delle morti e delle sofferenze dei civili", ha aggiunto la rappresentante Onu. Per questo è indispensabile un cessate il fuoco permanente anche per consentire agli operatori umanitari di intervenire nelle zone più difficili da raggiungere.

Intanto è partita in Afghanistan la campagna di vaccinazioni contro la poliomielite. L'obiettivo è vaccinare 9,9 milioni di bambini con meno di cinque anni, come annunciato dal ministero della Salute di Kabul, che ha dato notizia.  Mobilitati 65.000 operatori sanitari.

Secondo i dati ufficiali lo scorso anno in Afghanistan sono stati almeno 56 i casi di poliomielite e 3,3 milioni di bambini sono rimasti esclusi dalla campagna di vaccinazioni. Secondo l'agenzia Dpa, i talebani hanno fatto sapere di un incontro in Qatar tra il mullah Abdul Ghani Baradar e i responsabili dell'Oms e dell'Unicef per l'Asia meridionale per discutere della campagna di vaccinazioni in Afghanistan, dove a complicare la sfida c'è anche la pandemia di coronavirus.
Condividi