Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/afghanistan-bambini-morti-carestia-save-the-children-a6d659bf-5a17-4ef4-b0b3-c9243a5e6390.html | rainews/live/ | true
MONDO

L'allarme

Save the children, Afghanistan: 8 fratelli orfani morti di fame

L'organizzazione: "Sono 5 milioni i bambini a un passo dalla carestia e milioni di giovani vite sono a rischio in questo momento". E con l'inverno la situazione peggiorerà

Condividi
"Ieri a Kabul otto fratelli, 4 maschi e 4 femmine che avevano perso entrambi i genitori, sono morti di fame. Avevano tra i 18 mesi e gli 8 anni".  Lo afferma Save the Children che ha analizzato i dati delle Nazioni Unite, secondo i quali in Afghanistan i bambini soffrono la fame ogni giorno di più e le persone che raggiungeranno livelli di fame di crisi o di emergenza aumenteranno del 35% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

A un passo dalla carestia
"In Afghanistan più di 5 milioni di bambini - sottolinea l'organizzazione in una nota - sono a un passo dalla carestia e milioni di giovani vite sono a rischio dal momento che il Paese sta affrontando la peggiore crisi alimentare di sempre. L'inverno è alle porte e 22,8 milioni di persone, tra cui 14 milioni di bambini, saranno vittime di livelli emergenziali di insicurezza alimentare. Sembra che per i bambini afghani non ci sia fine al dolore. Dopo decenni di guerre e sofferenze, ora affrontano la peggiore crisi alimentare dell'Afghanistan. La situazione è già critica, ogni giorno vediamo bambini piccoli nelle nostre cliniche con gravi livelli di malnutrizione perché non mangiano altro se non briciole di pane. Ma quando arriverà l'inverno vedremo bambini più affamati che mai", ha commentato Chris Nyamandi, Direttore Regionale di Save the Children in Afghanistan.

"I bambini afghani - ha aggiunto - hanno bisogno dell'aiuto di tutto il mondo per avere anche solo una possibilità di sopravvivere a questa crisi. Continueremo a fare tutto il possibile per fornire loro i servizi salvavita di cui hanno bisogno, ma affinché gli aiuti continuino abbiamo urgentemente bisogno che i governi aumentino gli aiuti al Paese".
Condividi