Original qstring: refresh_ce | /dl/rainews/articoli/allarme-poverta-giovani-europa-fmi-9bdee6b2-39f8-4773-ae12-9cdcb427476b.html | rainews/live/ | true
ECONOMIA

L'allarme del Fmi: giovani europei a rischio povertà

Condividi
"Oggi, i giovani sono il gruppo anagrafico a maggior rischio di povertà" in Europa. Nel sud del continente la situazione è più drammatica: a essere minacciato è addirittura un ragazzo su 4. L'allarme è del Fondo monetario internazionale che alla ineguaglianza tra generazioni nell'Unione europea dedica un lungo lavoro curato dal suo staff economico.   Ai giovani tra i 16 e i 34 anni fa capo appena il 5% della ricchezza netta in Europa e la loro ricchezza mediana è soltanto un decimo di quella del gruppo di persone oltre i 65 anni. Sempre tra le generazioni più giovani si ritrova il più alto rapporto tra debito e patrimonio (49%) e la maggiore possibilità di finire tra i 'protestati' (12,4%).
 
La diagnosi non lascia spazio a dubbi: "Il rischio di povertà giovanile è crescente" nel vecchio continente. E se prima della crisi i tassi di povertà relativa di giovani (18-24 anni) e anziani (oltre i 65 anni) erano ampiamente simili, oggi la minaccia è cresciuta "significativamente" per i primi che sono diventati "il gruppo anagrafico a maggior rischio povertà, tanto in termini relativi che assoluti".   A pesare sui destini dei ragazzi europei, affermano gli economisti del Fondo, sono stati gli sviluppi del mercato del lavoro, ma anche i modelli scelti per riformare i sistemi di protezione sociale e consolidare i conti pubblici. "La crisi", si legge nel rapporto, "ha esacerbato la già alta disoccupazione giovanile e la tendenza verso la precarizzazione del lavoro".   Secondo l'Fmi, "i problemi della disoccupazione giovanile e della conseguente povertà stanno raggiungendo proporzioni macroeconomiche in molte economie europee". E "mentre la ripresa ciclica in corso migliora le opportunità occupazionali per i giovani", sollecita l'istituzione, "i governi devono fare di più per assicurare che i giovani d'oggi non restino ulteriormente indietro rispetto al resto della popolazione", con "effetti durevoli" sulle loro "prospettive sociali".


Per "ridurre le possibilità che i giovani si impoveriscano e soffrano perdite di reddito durante la loro vita", incalzano gli economisti di Washington, "è essenziale facilitare la loro integrazione nel mercato del lavoro". Il suggerimento è di fornire agli imprenditori incentivi che li spingano ad assumere giovani, "comprese riduzioni mirate del cuneo fiscale o crediti fiscali per i salari più bassi".   Ma per raggiungere l'obiettivo, non si nasconde lo studio, è necessario anche "migliorare e adattare le competenze" dei ragazzi europei". Per questo "le spese per l'educazione e l'aggiornamento professionale dovrebbero essere escluse dal risanamento dei conti" e andrebbe migliorata la cooperazione tra aziende, sindacati e governi nella definizione dei programmi.    Sotto accusa finiscono i sistemi di protezione sociale, "che durante la crisi hanno protetto gli anziani meglio dei giovani". Per far fronte ai vincoli di bilancio, scrivono i tecnici dell'Fmi, "sono stati spesso tagliati gli strumenti non pensionistici", con la conseguenza che "i giovani non sono stati adeguatamente coperti contro il rischio di disoccupazione e l'impatto di posti di lavoro precari". In definitiva, accusa il documento, "le riforme previdenziali adottate durante la crisi finanziaria hanno protetto chi è gia' in pensione e spostato la maggior parte del peso dell'aggiustamento sulle future generazioni di pensionati".   Anche il sistema fiscale andrebbe rivisto. Un'eventuale riforma, conclude il Fondo, "dovrebbe riequilibrare il peso delle tasse tra le diverse generazioni e aumentare l'effetto redistributivo della tassazione, tramite un incremento della progressività delle tasse sul reddito e dando maggior ruolo redistributivo all'imposizione sui redditi di capitali e la ricchezza". Ma bisogna fare in fretta: c'e' una generazione intera da salvare. 
Condividi