Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/amazon-aumenta-salario-ingresso-dipendenti-logistica-ac2bc8dc-1ff3-43e0-9df8-b9adfb92ac42.html | rainews/live/ | true
ECONOMIA

50 sedi in Italia

Amazon aumenta dell'8% il salario d'ingresso dei dipendenti della logistica

Dal primo ottobre il salario passerà da 1.550 a 1.680 euro lordi al mese

Condividi
Amazon aumenta dell'8% la retribuzione di ingresso dei dipendenti della rete logistica. Dal primo ottobre, grazie all'incremento retributivo che rientra nella revisione periodica degli stipendi realizzata da Amazon, la retribuzione d'ingresso - si legge in una nota - passerà da 1.550  a 1.680 euro lordi al mese.

La nuova retribuzione d'ingresso è, quindi, più alta dell'8% rispetto agli standard previsti dal contratto nazionale del trasporto e della logistica. 

"Lavoriamo da sempre per essere l'azienda più orientata al cliente del mondo, ma non solo. Vogliamo anche essere il miglior datore di lavoro e il posto più sicuro in cui lavorare", sottolinea Stefano Perego, vp Amazon Eu operations.

Dal suo arrivo in Italia, nel 2010, Amazon ha investito oltre 6 miliardi di euro creando più di 12.500 nuovi posti di lavoro a tempo indeterminato, in oltre 50 siti sparsi in tutto il paese. 

Nel 2021 sono già entrati in attività i centri di distribuzione di Novara e di Cividate al piano (Bergamo), a cui si aggiungerà presto anche il centro di smistamento di Spilamberto (Modena). Amazon ha poi annunciato l'apertura nel 2022 del suo primo centro di distribuzione in Abruzzo in cui saranno creati 1.000 nuovi posti di lavoro a tempo indeterminato entro tre anni dall'apertura. 

Negli ultimi anni ha inoltre aperto vari centri e depositi in tutta la penisola. Per servire i clienti Amazon Prime Now e Fresh, l'azienda dispone di due centri di distribuzione urbani a Milano e Roma. Oltre agli investimenti effettuati nella rete logistica, nel 2013 Amazon ha inaugurato il customer service di cagliari e ampliato la sua sede centrale corporate milanese.

Nel 2017 ha trasferito i suoi nuovi uffici nella zona di Porta Nuova a Milano. L'azienda ha inoltre aperto un centro di sviluppo a torino per la ricerca sul riconoscimento vocale e la comprensione del linguaggio naturale che supporterà la tecnologia utilizzata per l'assistente vocale Alexa. 
Condividi