Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/app-immuni-scaricata-da-17-per-cento-degli-smartphone-dal-17-ottobre-interoperabile-in-Ue-5af1d42d-3b6b-4cf6-a45a-c1959616554b.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

Tracciamento

App Immuni scaricata da 6,6 milioni di utenti. Da ottobre interoperabilità in Unione europea

Italia, Germania e Irlanda saranno i primi a connettersi, dal 17 ottobre, al sistema Ue che consente il dialogo tra le app nazionali per il tracciamento dei contagi Covid, assicurando il loro funzionamento oltre confine

Condividi
Sono 6,6 milioni (6.606.696) le persone che hanno scaricato l'app Immuni, il 17% degli smartphone che ci sono in Italia, percentuale dalla quale sono esclusi i minori di 14 anni. Da metà ottobre l'app italiana sarà tra le prime 'interoperabili' a livello europeo e sarà connessa con quella irlandese e quella tedesca.  

Il sistema si chiama Gateway, e non richiede l'installazione di una nuova app da parte degli utenti, che quando si recano all'estero potranno inviare o ricevere segnalazioni in caso di contagio o contatti con persone contagiate, come già avviene sui territori nazionali. Nell'Ue sono 15 i Paesi che hanno adottato o stanno per adottare una app di tracciamento: si tratta di Italia, Austria, Croazia, Danimarca, Estonia, Francia, Germania, Irlanda, Lettonia, Malta, Olanda, Spagna, Polonia, Portogallo, Repubblica ceca. Atri tre Paesi (Belgio, Cipro e Lituania) si aggiungeranno nei prossimi giorni.

La media dei download è del 10%. La Commissione europea invita ad aumentarli, garantendo la protezione dei dati personali e ricordando che anche un solo download in più può avere un grande impatto in termini di tracciabilità dei contagi e risposta al virus

Dal 1 giugno sono stati 299 gli utenti positivi che avevano Immuni e che hanno caricato le loro chiavi nel backend (21 a giugno, 38 a luglio e 96 in agosto, e 144 nei primi 24 giorni di settembre). Le notifiche, che vengono registrate dal 13 luglio, finora sono state 4.490 (1.109, pari a 24% del totale, solo negli ultimi 10 giorni). Dieci casi positivi hanno ricevuto la notifica di alert da Immuni essendo stati contatti stretti di un altro utente positivo, che aveva Immuni. Tutti potenziali focolai che sono stati contenuti grazie all'app.   
Condividi