Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/apple-music-raggiunge-dieci-milioni-di-abbonati-in-sei-mesi-59a08ced-8617-4614-87cc-1d3e5a0d978d.html | rainews/live/ | true
TECH

In sei mesi tanti utenti paganti quanto Spotify in sei anni

Apple Music ha dieci milioni di abbonati

E' la conferma che i servizi di musica (e non solo) in streaming sono la carta vincente: secondo il Financial Times, Apple Music, lanciato a metà 2015, ha già dieci milioni di abbonati. Il grande rivale Spotify ha impiegato sei anni per raggiungere gli stessi numeri. Ma sta crescendo molto velocemente anche lui.

Condividi
Londra Apple  Music ha superato 10 milioni di abbonati a pagamento, secondo il Financial Times. Se così fosse – ma manca la conferma da Cupertino -  ci sarebbero  voluti soltanto  sei mesi per arrivare ad avere tanti abbonati quanto il rivale Spotify ha messo insieme in sei anni.
 
Crescita inarrestabile
Apple Music è stata lanciata il 30 giugno 2015 con l’offerta di un periodo di prova gratuito di tre mesi. Nell’ottobre successivo Tim Cook, il Ceo di Apple,  ha rivelato in un’intervista che il servizio in streaming aveva raggiunto  6,5 milioni di utenti paganti e altri 8,5 milioni in prova gratuita. A novembre, quando l'app è stata rilasciata per sistema operativo Android,  il servizio è stato disponibile per la maggior parte degli smartphone in tutto il mondo.

Da 10 a 20 milioni in un anno
L’ultima volta che Spotify ha diffuso dati sul numero di abbonati è stato nel giugno 2015, quando ha reso noto un ‘salto’ da 10 a 20 milioni di utenti paganti in un anno. Il capo delle comunicazioni di Spotify ha scritto su Twitter (dopo la pubblicazione dell’articolo sul Financial Times) che gli abbonamenti hanno cominciato ad andare più velocemente  nella seconda metà del 2015, ma non specificato se per le versioni freemium, premium o per entrambe.

Spotify è stata lanciata nel 2008 da una startup svedese e ha complessivamente 75 milioni di utenti attivi. I loro server hanno attualmente 28 Petabyte di storage suddiviso in quattro data center nel mondo. Tutta questa mole di dati viene usata anche per ‘indovinare’ il futuro: nel 2013 Spotify ha usato gli algoritmi per stabilire quali sarebbero i vincitori del premio Grammy e ne ha azzeccati 4 su 6.
Condividi