Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/austria-lockdown-da-oggi-nuovo-lockdown-anche-per-i-vaccinati-e-da-febbraio-vaccino-obbligatorio-01fd3e25-cfe9-41a9-9c98-699ee9c13ef4.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

Lotta al covid

Austria, da oggi anche i vaccinati in lockdown e dal 1 febbraio vaccino obbligatorio

Per ora fino al 12 dicembre, ma potrebbe durare anche 20 giorni. Nella vicina Sassonia si rischia il triage in corsia 

Condividi
L'Austria torna oggi in lockdown, il quarto dall'inizio della pandemia deciso per cercare di contenere la diffusione del Coronavirus dopo che il numero dei morti è triplicato nelle ultime settimane. Si tratta del primo paese dell'Europa occidentale a ripristinare il lockdown, che durerà fino al 12 dicembre. Ma le nuove misure potrebbero essere prorogate se la situazione dei contagi non accenna a migliorare e se i reparti di terapia intensiva, ora al limite della capacità, non riusciranno a liberare letti. 

Il governo austriaco guidato dal cancelliere Alexander Schallenberg (OeVP) ha inoltre deciso che renderà obbligatorie le vaccinazioni contro il Covid-19 a partire dal primo febbraio. Solo circa il 66 per cento degli 8,9 milioni di austriaci è completamente vaccinato, uno dei tassi più bassi dell'Europa occidentale. Le autorità hanno ordinato ai residenti di rimanere a casa per tutti i motivi tranne quelli essenziali, tra cui lavoro, sport all'aperto e spesa per il cibo. Misure che riguardano anche i vaccinati.

Parlando a ORF TV ieri sera, il ministro della Salute Wolfgang Mueckstein ha affermato che il governo deve "reagire ora". "Un blocco, un metodo relativamente duro, è l'unica opzione per ridurre il numero di infezioni qui", ha detto.

La maggior parte dei ristoranti e dei bar potranno fornire solo pranzi takeaway, mentre gli eventi culturali sono sospesi. Per quanto riguarda gli eventi sportivi, si terranno solo a porte chiuse.  Lockdown significa anche obbligo di indossare la mascherina Ffp2 in tutte le aree pubbliche in ambienti chiusi e distanza interpersonale di due metri. Le scuole resteranno aperte ma è stato fatto appello ai genitori affinché gli alunni siano assistiti a casa. Gli sciatori potranno utilizzare gli impianti di risalita ma solo se vaccinati o guariti. Nelle cabinovie o seggiovie copribili sarà obbligatorio indossare la mascherina Ffp2. 

Si tratta di un blocco molto sofferto quello istituito dal governo di Vienna perché coinvolge anche le persone vaccinate. Il lockdown è stato ritenuto, però, doveroso perché per tutto il mese di novembre i casi di coronavirus giornalieri sono continuamente aumentati. L'Austria è la prima Nazione in Europa ad aver imposto il lockdown anche per i vaccinati. 

In Sassonia situazione grave, si rischia triage in corsia
Nella vicina Sassonia in Germania, paese dove negli ultimi giorni c'è una media di 65mila contagi giornalieri, la situazione sanitaria è così grave che si rischia di dover ricorrere al triage in corsia. È quello che ha affermato il presidente della camera dei medici regionale, Erik Bodendieck, parlando a Ndr info. Se la situazione non cambia, bisognerà pensare a decidere chi debba essere trattato e chi no, ha spiegato. "Si dovrà attuare il triage e di questo parleremo questa settimana con le mie colleghe e i miei colleghi negli ospedali". Per la popolazione vale la regola del "2G", cioè l'accesso nei luoghi pubblici solo per chi è vaccinato o guarito dal virus.
Condividi