Original qstring: fbclid=IwAR0EUIGA9APtWtLIZGpBsxTsoB3UGpLjomq4t0eqV8IGnElmsTNp-ddf9P4 | /dl/rainews/articoli/beppe-Grillo-torino-no-vax-contestazioni-vaccino-stefano-balocco-matteo-renzi-pd-m5s-chiara-appendino-alberto-airola-918057a9-45f5-415a-8e40-d4fc5f08bac7.html | rainews/live/ | true
POLITICA

Torino

Beppe Grillo contestato da un gruppo di No Vax: "Hai firmato patto della vergogna"

Davanti al Teatro Colosseo striscione con accuse e critiche al fondatore del M5S. Grillo nella movimentata serata ha incontrato anche Appendino

Condividi
di Tiziana Di Giovannandrea Un gruppo di genitori 'No vax', sul piede di guerra, ha atteso l'arrivo di Beppe Grillo davanti al Teatro Colosseo di Torino che ospita il suo spettacolo 'Insomnia'.

Esponendo striscioni, cartelli e piccoli manichini di Pinocchio, hanno contestato il fondatore del Movimento dei pentastellati accusandolo di aver tradito la causa: "Grillo non ricorda e firma il patto della vergogna", denunciando "le menzogne e la mala fede di Grillo in materia di vaccini e di libertà di cura".

Si rincara la dose nel volantino distribuito dai manifestanti tra le fila dei grillini accorsi per lo show: "Più che di 'Insomnia' Grillo sembra soffrire di amnesia. Fino a qualche anno fa, nei suoi spettacoli, i vaccini venivano messi in discussione per sicurezza e efficacia e le multinazionali del farmaco venivano accusate delle peggiori nefandezze. Poi, il 10 gennaio, Grillo, che diceva 'mai con il Pd', ha sottoscritto il famigerato 'patto trasversale per la scienza' firmato anche da Matteo Renzi e Roberto Burioni".

Tra i manifestanti anche l'ex consigliere M5S di Venaria, Stefano Balocco, che si è dimesso nel 2016. "Il movimento ormai è diventato verticistico - sostiene - ed il ricorso alla piattaforma Rousseau per la base è ormai una forma. Grillo ha venduto il Movimento alla Casaleggio". 

L'accusa è anche quella di aver dimenticato le origini del Movimento: " Quando è nato il Movimento era per la legalità e contro l'immunità ora che sono stati eletti fanno tutto il contrario". 

Beppe Grillo, nel camerino del Teatro Colosseo prima dello spettacolo, ha incontrato la sindaca di Torino Chiara Appendino. I due hanno avuto un colloquio informale durante il quale il fondatore dei 5 Stelle ha ribadito al sua fiducia alla prima cittadina.

Tra gli spettatori di 'Insomnia' il senatore Alberto Airola che ha ribadito il no alla Tav.

Proprio sulla Tav, il comino genovese con la sua solita verve spiazzante, durante lo spettacolo ha precisato: "La Tav è una stella che ha ancora luce ma è morta perché la mobilità sta cambiando velocemente". "E' il momento di darvi una sveglia, - ha detto rivolto al pubblico - vi perdete con caz.. come la Tav, sì vax, no
vax. Metà di quello che circola sui treni, sulle navi, sui camion è vuoto, portiamo in giro cose vuote, c'è qualcosa di morboso nel voler portare le merci". "L'alta velocità è una linea di cemento e calcestruzzo".

A proposito del Pd, Beppe Grillo durante lo show ha sostenuto: "Il Pd sta morendo perché è noioso e barboso non ha dialettica con i giovani. Si autoelimina da solo". 

Grillo ha poi parlato dell'esistenza in contemporanea, nel Paese, di identità confuse: "Sotto sotto il razzista si deprime perché sa che tutte le razze sono uguali. L' antirazzista si deprime perché sotto sotto sa che le razze non sono tutte uguali. Oggi le identità sono molto confuse. Per vivere ci sono due pilastri l'amore e l'ironia. Senza amore si può vivere, senza ironia no". "Dobbiamo volere tutto e il contrario tutto - ha aggiunto - dobbiamo volere soprattutto il pensiero libero e coltivare la curiosità perché l'uomo curioso è migliore".
Condividi