Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/bimba-di-8-mesi-muore-in-ospedale-la-piccola-presentava-lividi-sul-corpo-b9ff1bf8-d2f0-43fd-950a-0f0c327477ff.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Salerno

Bimba di 8 mesi muore in ospedale. Sul corpicino lividi e lesioni, indagati i genitori

Sarà l'esame autoptico disposto dalla Procura di Nocera Inferiore - che verrà effettuato lunedì - a chiarire come sono andati i fatti. Al momento, la salma è sotto sequestro all'obitorio. I genitori sono indagati per concorso in omicidio, si tratta di un atto dovuto per effettuare i necessari esami. Famiglia era seguita dai servizi sociali

L'ospedale di Nocera Inferiore (foto di archivio)
Condividi
di Tiziana Di Giovannandrea Sono indagati per concorso in omicidio i genitori della bimba di quasi otto mesi di Sant'Egidio del Monte Albino,  nel
Salernitano, morta nell'Ospedale di Nocera Inferiore. Si tratta di un atto dovuto per poter effettuare esami specifici, in primis l'autopsia.

Gli inquirenti investigano sulla morte della bimba di quasi otto mesi (li avrebbe compiti tra pochi giorni), avvenuta nella notte tra venerdì 21 e sabato 22 giugno, per far luce sul decesso della neonata e capire le cause della morte.

La piccola è stata trasportata presso l'ospedale Umberto I di Nocera Inferiore dove i sanitari non hanno potuto fare altro che constatarne la morte. Circa quarantacinque minuti di manovre rianimatorie non sono serviti a salvare la neonata che è morta prima dell'arrivo al nosocomio intorno alle 3,30 della notte. Dal primo esame esterno, sul corpo della piccola sarebbero stati riscontrati lividi, ecchimosi, escoriazioni simili a ustioni e lesioni. Sarà l'esame autoptico disposto dalla  Procura nocerina - che sarà effettuato lunedì - a chiarire come sono andati i fatti. Al momento, la salma è sotto sequestro all'obitorio del Nosocomio nocerino. Intanto, i genitori della piccola, residenti nel quartiere San Lorenzo di Sant'Egidio del Monte Albino (Salerno), sono stati ascoltati dai poliziotti e dal pm di turno, Roberto Lenza, al Commissariato di Nocera Inferiore, assistiti dalla loro legale. I genitori della bimba di quasi otto mesi sono indagati per concorso in omicidio, si tratta di un atto dovuto per poter effettuare gli esami specifici, in particolare l'autopsia.  L'avvocato ha definito "provati" i genitori della piccola, in particolar la mamma che ha avvertito un malore durante l'interrogatori, cosa che ha reso necessario anche l'intervento dei sanitari del 118.  

Le indagini sono condotte dagli agenti del Commissariato di Nocera Inferiore e della Squadra Mobile di Salerno e sono coordinate dalla Procura di Nocera Inferiore.

Sindaco: "Mai presentate denunce di violenza"
La famiglia era seguita dai servizi sociali. Il papà della piccola morta nel Salernitano aveva lasciato da poco una Comunità dove era in cura per problemi di tossicodipendenza ed aveva diversi precedenti a suo carico. Era una famiglia piena di problemi anche di carattere economici e il Comune di Sant'Egidio del Monte Albino, su disposizione della Procura di Nocera Inferiore, aveva attivato dai primi giorni di giugno un "monitoraggio" della famiglia per cercare di capire quale provvedimenti dovessero essere messi in atto a tutela proprio dei bambini.  

L'uomo era tornato nel Salernitano, dove viveva insieme con la moglie, la piccola morta ed un altro bimbo di quattro anni. La Procura di Nocera Inferiore aveva dato mandato al Comune di Sant'Egidio di 'monitorare' la famiglia per due mesi.

"Il 15 giugno è arrivata una comunicazione ufficiale da parte della Procura in merito all'attivazione di questo monitoraggio - ha detto il sindaco, Nunzio Carpentieri - noi quindi seguivamo la famiglia, eravamo a conoscenza delle problematiche però c'è anche da dire che nessuno aveva mai presentato una denuncia ufficiale in merito a violenze, né la mamma dei bimbi né tanto meno i familiari". Sta di fatto che i vicini di casa raccontano che i due spesso litigavano e la donna veniva picchiata. La piccola deceduta a quanto pare aveva un problema di salute, agli arti superiori e questo, dicono sempre i vicini, la faceva piangere spesso. 
Condividi