Original qstring: refresh_ce | /dl/rainews/articoli/bologna-bazzano-valsamoggia-pistola-ucciso-effrazione-carabinieri-ed5abc48-02f4-41f0-a276-db3e5b226f76.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Esplosi 5 colpi da una pistola detenuta legalmente

Bologna, uomo ucciso a colpi di pistola a Bazzano durante tentativo di effrazione. Custode indagato

Indagini dei carabinieri di Bologna per ricostruire l'esatta dinamica dell'accaduto. L'uomo trovato morto è ancora anonimo perché ritrovato senza documenti. A sparare è stato il custode 68enne della villetta

Condividi
Aveva sorpreso alcune persone ad armeggiare davanti alla porta d'ingresso della loro casa di campagna, ha esploso colpi di pistola da una finestra: un uomo è stato trovato morto all'esterno dell'abitazione. I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Bologna Borgo Panigale hanno avviato le indagini per ricostruire quanto accaduto intorno alle 5,10 di questa mattina a Bazzano di Valsamoggia, in provincia di Bologna. 

I carabinieri di Bologna sono intervenuti in seguito alla telefonata di una donna, residente in una casa di campagna, che riferiva che il marito, dopo aver sorpreso delle persone ad armeggiare davanti alla porta d'ingresso, aveva esploso dei colpi di pistola da una finestra. Uscendo di casa in attesa dei Carabinieri, i due coniugi, secondo quanto raccontato ai militari, hanno rinvenuto il cadavere di un uomo. Giunti sul posto, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile, insieme ai Carabinieri di Bazzano e del Nucleo Investigativo di Bologna, hanno verificato che l'arma utilizzata dall'uomo era regolarmente detenuta. I sanitari del 118 hanno accertato il decesso dell'uomo che non è ancora stato identificato perché sprovvisto di documenti di riconoscimento.

Indagato per omicidio preterintenzionale
Il custode 68enne "è indagato per omicidio preterintenzionale, anche se è una ipotesi temporanea". Lo ha detto, al termine dell'interrogatorio durato circa due ore e mezza in caserma a Bologna, l'avvocato Giovanni Donati, il legale che  ha assistito l'uomo che ha sparato dalle finestre della villa uccidendo un uomo. "Il pubblico ministero - ha spiegato il legale - avrebbe potuto partire dall'omicidio volontario, però, proprio perché si é capito subito che il mio assistito è una brava persona, è partito da li".

"Lui alle 4 del mattino ha trovato alcune persone intorno a casa che avevano già forzato un ingresso dell'abitazione e stavano entrando in casa. Per intimorirli e allontanarli ha sparato". Così l'avvocato Giovanni Donati ha riassunto il racconto che il suo assistito ha fatto questo pomeriggio in caserma a Bologna, davanti ai carabinieri e al pm Manuela Cavallo.

Il custode, ha riferito il legale, "ha sparato verso la campagna in un punto dove non c'erano luci e non c'erano torce. Lui in quel momento li aveva sotto, se avesse voluto colpirli avrebbe potuto sparare direttamente sotto per allontanarli. Gli accertamenti che faremo faranno capire come sono andate realmente le cose e se il colpo che ha attinto questa persona sia di rimbalzo o diretto e soprattutto dove è stata colpita la persona deceduta".

"Ho sparato solo per spaventare"
Ha detto agli inquirenti di avere sparato solo per spaventare chi stava tentando di accedere alla sua abitazione. Così l'uomo ha risposto ai carabinieri nella caserma di viale Panzacchi a Bologna. Il 68enne è incensurato. Oltre alla pistola revolver calibro 38 è risultato che avesse altre armi detenute in modo regolare.

Per l'assenza delle impronte nella banca dati degli investigatori, il cadavere non è ancora stato identificato. Si tratterebbe di un ragazzo tra i 20-25 anni di carnagione chiara. 

Procura: accertamenti tecnici su modalità esplosione colpo
"Si cercherà di verificare le modalità di esplosione del colpo, ragionando sugli spazi di applicabilità della legittima difesa o dell'eccesso colposo, alla luce del punto dove sarebbe stata colpita la persona deceduta". A questo serviranno gli accertamenti tecnici, che saranno svolti "con l'ausilio della Scientifica dei Carabinieri", disposti dalla Procura di Bologna su quanto avvenuto questa mattina.
Condividi