Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/calabria-terra-di-mafia-la-pubblicita-shock-suu-sito-easyjet-c7cd76e8-ce3b-4626-aa16-60a2739040e7.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Deputata Ferro chiede sospensione della compagnia aerea

"Calabria terra di mafia", è bufera per la pubblicità di Easyjet. Ceo Compagnia: "Indagine interna"

"In qualità di membro della Commissione Trasporti e Turismo del Parlamento europeo scriverò ai vertici di EasyJet per chiedere che la descrizione della mia Regione venga cambiata immediatamente. La Calabria è una terra meravigliosa che merita rispetto. Basta pregiudizi sul Sud Italia" dice Laura Ferrara, europarlamentare 5Stelle

Condividi
Il Ceo britannico della Compagnia aerea, Johan Lundgren ha inviato una lettera di scuse alla Presidente della Regione calabria, Jole Santelli che aveva duramente criticato la descrizione del territorio sul sito della Compagnia: "La pseudo operazione di marketing sulla Calabria realizzata da EasyJet è offensiva, miope e ha un chiaro sapore razzista. Si potevano usare tante parole per descrivere la meraviglia e la straordinarietà di una regione unica al mondo, ma
la compagnia inglese ha scelto le più becere e le più consunte, realizzando una pubblicità ingannevole che non è altro che una sommatoria di inqualificabili pregiudizi". 

Nella missiva Lundgren annuncia oltre alla rimozione del testo, l'avvio di un'indagine interna e la richiesta di un incontro "per lavorare allo scopo di sostenere il rilancio del turismo nella vostra regione e continuare a portare i turisti in Calabria". Già questa mattina in una nota EasyJet si scusava "apertamente con tutti i calabresi e la Regione Calabria per la descrizione contenuta nella scheda informativa all'interno del sito. L'intento originale del testo era sottolineare quanto la Calabria sia sottovalutata all'estero da un punto di vista turistico".

"La Calabria è una terra per noi molto importante, che amiamo e che promuoviamo da sempre con numerosi voli su Lamezia Terme - fanno saper ancora dalla Compagnia - Ne è una dimostrazione anche il fatto che il primo volo del 15 giugno, che coincide con il ripristino delle operazioni post lockdown, è stato quello verso l'aeroporto di Lamezia Terme". "Abbiamo  provveduto immediatamente - conclude EasyJet - a rimuovere il testo in questione e avviato un'indagine interna per capire l'accaduto e fare in modo che non accada mai più". 

Scritta shock sul sito della Compagnia aerea
"Questa regione soffre di un'evidente assenza di turisti a causa della sua storia di attività mafiosa e di terremoti". E' la scritta che era comparsa sul sito ufficiale della compagnia aerea low cost Easyjet in una pagina che pubblicizza la Calabria. Frase che ha provocato polemiche sui social e non solo.

Nella pagina, si scriveva anche che la Calabria soffre "la mancanza di città iconiche come Roma o Venezia capaci di attrarre i fan di Instagram". Per poi proseguire: "Ma se cerchi un piccolo assaggio della dolce vita, senza troppi turisti, allora sei nel posto giusto. Arrampicati fino alla città di montagna di Morano Calabro per panorami mozzafiato e case bizzarre costruite su cime, che dovrai vedere per credere. Potrai essere tra i pochi turisti a conoscere e apprezzare veramente i tre spettacolari parchi nazionali di questa regione". Ironica la risposta data al messaggio dalla pagina Facebook "Lo Statale Jonico": "Grazie agli amici di EasyJet per la splendida descrizione, ma ci teniamo a precisare
- per amore di onestà - che abbiamo anche dei difetti".

Polemiche sui social dunque, ma anche a livello politico. Molti gli esponenti di diversi partiti che si sono scagliati contro la pubblicità della compagnia low-cost. "E' una vergognosa descrizione che offende la regione e la mia gente, crea un danno d'immagine e scoraggia evidentemente i turisti a visitare la nostra terra, che è e deve essere nota per il suo ricco e meraviglioso patrimonio paesaggistico ed enogastronomico, per le sue antiche tradizioni e per l'accoglienza ineguagliabile che i cittadini calabresi riservano ai turisti e agli ospiti tutti". Lo afferma, in una nota, l'europarlamentare del Movimento 5 Stelle Laura Ferrara."In qualità di membro della Commissione Trasporti e Turismo del Parlamento europeo - annuncia - scriverò ai vertici di EasyJet per chiedere che la descrizione della mia Regione venga cambiata immediatamente. La Calabria è una terra meravigliosa che merita rispetto. Basta pregiudizi sul Sud Italia".

Protesta pure Ernesto Magorno, senatore di Italia Viva che su Twitter scrive: "Una sola parola per EasyJet: Vergogna!La Calabria è una terra meravigliosa con persone eccezionali. La Calabria è una terra che accoglie e, con buona pace di chi scrive il contrario, è una regione che non soffre di assenza di turisti. EasyJet deve chiedere scusa e, prima di scrivere di Calabria,  dovrebbe documentarsi meglio". 

"Descrivere la Calabria come una terra di mafia e di terremoti dalla quale i turisti stanno alla larga, e i pochi che arrivano possono ammirare solo delle 'case bizzarre' - scrive Wanda Ferro, parlamentare di FdI - , è di una gravità senza precedenti. Una 'cartolina' del tutto falsa e piena di assurdi pregiudizi, che ha l'effetto di danneggiare l'immagine di una regione che non solo può offrire ai visitatori un immenso patrimonio di tesori naturalistici, culturali e identitari, quanto oggi è una terra completamene libera dal Covid, ed è pronta ad accogliere in sicurezza turisti e viaggiatori grazie anche all'ottimo lavoro messo in campo dalla presidente Jole Santelli e dall'assessore al  Turismo. Per questo andrebbe sospeso immediatamente ogni eventuale rapporto della Regione con la compagnia aerea e andrebbero valutate possibili azioni risarcitorie''.

Modaffari: "Ignora cosa sia davvero la Calabria"
"La Calabria è una terra che i social non possono raccontare, è una terra da vivere. Questa è la descrizione della corretta della nostra regione, non quella offerta dalla compagnia aerea EasyJet che, con quelle poche righe pubblicate sul sito, ha mostrato semplicemente unica cosa: di ignorare cosa sia, davvero la Calabria". Così lo scrittore calabrese, Antonio Modaffari.
Condividi