Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/calcio-campionato-serie-A-Inter-Juventus-Conte-Pirlo-884a1a30-7227-45a2-b10b-91aa9ab8b168.html | rainews/live/ | true
SPORT

A San Siro, 18ma giornata

Derby d'Italia all'Inter, Juventus battuta 2-0

Nerazzurri a segno con un gol per tempo: autori Vidal e Barella. Troppo fiacca la reazione della squadra di Pirlo, che pure era reduce da tre successi di fila. Nerazzurri ora in testa col Milan, impegnato lunedì sera a Cagliari

Condividi
L'Inter batte la Juventus e mette pressione al Milan agganciandolo in vetta. Il big match di San Siro finisce 2-0 per la squadra di Conte con un gol nerazzurro per tempo. I bianconeri, troppo evanescenti in un appuntamento così importante, vanno ko dopo tre vittorie di fila. Il match clou della 18ma giornata di campionato vede l’Inter appaiare il Milan (impegnato nel Monday Night a Cagliari) a 40 punti. Resta ferma a 33 la Juventus, che davanti ha Roma e Napoli a 34. La squadra di Pirlo e i partenopei devono recuperare la partita non disputata il 4 ottobre per i casi di positività nel Napoli (e si affronteranno mercoledì nella finale di supercoppa italiana).
 
Era dal 2017 che l’Inter non vinceva il derby d’Italia: da allora cinque successi Juve e due pareggi.
 
Al ‘Meazza’ Conte con il consueto 3-5-2: Handanović; Škriniar, De Vrij, Bastoni; Hakimi, Barella, Brozović, Vidal, Young; Lukaku, Lautaro Martinez. Pirlo schiera il 4-4-2: Szczęsny; Danilo, Bonucci, Chiellini, Frabotta; Chiesa, Rabiot, Bentancur, Ramsey; Morata, Cristiano Ronaldo. Arbitra Doveri di Roma.
 
Al 7’ Brozović su punizione sfiora il palo. Gol annullato a Ronaldo all’11 per fuorigioco di Chiesa che imbecca il portoghese dopo respinta di Handanović su Rabiot. Un minuto e passa l’Inter: Barella crossa teso, Vidal trova il tempo di testa e buca Szczęsny (12’). Il cileno al quarto d’ora sfiora il raddoppio con un tiro che sorvola di poco la traversa. Al 19’ Brozović chiama Szczęsny alla presa. Al 23’ nuova chance per i nerazzurri, ma prima il portiere della Juve respinge un tentativo di Lukaku, poi Lautaro manda alto il tap in. Lo stesso argentino al 32’ fallisce ancora il bersaglio su un pallone uscito da un intervento di Chiellini su Lukaku. La Juve si scuote e al 37’ CR7 calcia di potenza ma centrale, Handanović blocca al petto. Debole invece al 38’ la conclusione di Lukaku su invito di Barella, facile l’intervento di Szczęsny.
 
Ripresa. Al 52’ arriva il raddoppio dell’Inter: Bastoni lancia lungo, Barella controlla e fulmina Szczęsny con un tiro sotto la traversa. Al 58’ Pirlo prova a dare una scossa ai suoi con un triplo cambio: Kulusevski per Ramsey, McKennie per Rabiot e Bernardeschi per Frabotta. Al 62’ l’americano si presenta con un colpo di testa bloccato da Handanović. Al 64’ in contropiede Brozović fallisce di poco il bersaglio. Al 71’ termina fuori un tiro a girare di Lautaro. Al 72’ Darmina per Young nell’Inter. Al 77’ Vidal colto da crampi lascia il posto a Gagliardini. La Juve prova col giro palla ad avvicinarsi alla porta avversaria, ma l’Inter non si fa schiacciare. All’86’ Conte richiama Lautaro per inserire Sanchez. All’87’ gran riflesso di Handanović su botta di Chiesa. Al 1’ di recupero tentativo di Hakimi, mira da aggiustare. La Juve chiude in avanti ma il risultato non cambia.
Condividi