Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/calcio-campionato-serie-A-Juventus-Napoli-Lazio-Genoa-Sampdoria-Verona-5712838c-b605-4570-965d-cf454f745152.html | rainews/live/ | true
SPORT

Serie A, 30ma giornata

La Juve batte il Genoa e continua la caccia al secondo posto

I bianconeri tengono il passo del Milan, tallonato a un punto; reti di Kulusevski, Morata e McKennie. Fabian Ruiz e Osimhen firmano il successo del Napoli sulla Sampdoria a Marassi. Vittoria in extremis della Lazio in casa del Verona grazie a Milinkovic-Savic. Alla Roma basta un gol di Borja Mayoral per piegare il Bologna

Condividi
Continua colpo su colpo il duello tra Milan e Juventus per il secondo posto. Alla vittoria dei rossoneri a Parma rispondono i bianconeri battendo 3-1 il Genoa allo ‘Stadium’: squadra di Pioli a quota 63, quella di Pirlo tiene il passo a 62. Il Grifone resta inchiodato a 32 punti, a un confortante +10 dal Cagliari terz’ultimo. Vince anche il Napoli, che ferma il buon momento della Sampdoria, regolata 2-0 al ‘Ferraris’ di Marassi. I partenopei di Gattuso con 59 punti scavalcano provvisoriamente l’Atalanta (doriani fermi a quota 36). Colpo della Lazio in pieno recupero in casa del Verona: 1-0 al 92’ per i biancocelesti che salgono a 55 punti (Hellas fermo a 41). Vince col minimo scarto anche la Roma all’Olimpico sul Bologna: giallorossi sempre settimi a 54 punti, rossoblù di Mihajlovic fermi a 34. Così le partite del pomeriggio domenicale valide per la 30ma giornata di campionato.
 
Juventus-Genoa 3-1
Pirlo gioca con Kulusevksi e Chiesa esterni, Bentancur e Rabiot interni, in avanti Cristiano Ronaldo con Morata (Dybala entra al 68’ dalla panchina al posto dello spagnolo). Scamacca-Pandev la coppia d’attacco nel 3-5-2 di Ballardini. Bianconeri in vantaggio dopo 4’: Cuadrado sfonda, palla a Kulusevki che di sinitro fa secco Perin. Raddoppio juventino al 22’ in contropiede: Perin rimedia su Chiesa, Ronaldo coglie il palo e Morata ribatte in rete. Al 36’ il portiere del Grifone nega il gol a Rabiot. Prima dello scadere di frazione è Szczesny a uscire in modo provvidenziale su Scamacca. E a inizio ripresa l’attaccante della under 21 fa secco Szczesny con un colpo di testa su corner di Rovella (49’). L’ex bianconero Pjaca (dal 46’ per Behrami) impegna il portiere della Juve (55’) e poi spara alto da buona posizione (56’). È poi CR7 a sfiorare il gol (57’). McKennie (dal 68’ per Kulusevski (70’). Al 76’ Genoa in dieci per l’infortunio di Zappacosta a sostituzioni esaurite. Partita virtualmente conclusa.
 
Sampdoria-Napoli 0-2
Nel 4-2-3-1 di Gattuso, Politano, Zielinski e Insigne dietro Osimhen unica punta. Nel 4-4-2 di Ranieri il reparto offensivo è composto da Quagliarella e Gabbiadini. Buon Napoli in avvio con Zielinski in evidenza, ma il lavoro più difficile Audero lo compie su Insigne al 25’. Al 35’ il vantaggio partenopeo con Zielinski in veste di rifinitore e Fabian Ruiz in quella di esecutore con un tiro dal limite che non dà scampo al portiere blucerchiato. Il primo tempo si chiude con una chance fallita da Politano. Subito nella ripresa Zielinski chiama Audero alla parata (47’). Al 54’ il portiere rossoblù salva su Fabian Ruiz e su Insigne. Al 55’ Ospina deve uscire a valanga per chiudere su Gabbiadini. Il duello si ripete al 64’, ancora una volta vinto dal portiere partenopeo. All’87’ il raddoppio di Osimhen su verticalizzazione di Mertens (per Zielinski dal 74’).
 
Hellas Verona-Lazio 0-1
Nel 4-3-2-1 di Juric (sostituito da Paro), Barak e Zaccagni alle spalle di Lasagna in avanti. Simone Inzaghi fermato dal covid, sulla panchina biancoceleste c’è Farris: senza gli squalificati Lazzari e Correa, sulle fasce ci sono Akpa Akpro e Fares, in attacco Immobile e Caicedo. Subito pericolosi gli ospiti con Milinkovic-Savic. Al 23’ torre di Caicedo, Immobile colpisce il palo. Il primo tempo scorre via senza troppi sussulti. A inizio ripresa, gol annullato a Caicedo per fallo su Magnani. Il secondo tempo viene giocato a ritmo ancor più compassato del primo e latitano le occasioni. Colpo decisivo biancoceleste in pieno recupero: Radu pennella dalla trequarti, Milinkovic-Savic svetta e di testa fulmina Silvestri (92’).

Roma-Bologna 1-0
I giallorossi di Fonseca danno continuità al buon momento suggellato dalla vittoria in Europa League sul campo dell’Ajax e tornano al successo in campionato dopo il pareggio in casa del Sassuolo. Ancora un ko per i rossoblù, reduci dalla sconfitta con l’Inter.
Fonseca con il 3-4-2-1, dove Carles Perez e Pedro agiscono alle spalle di Borja Mayoral. Nel 4-2-3-1 di Mihajlovic, Barrow, Skov Olsen e Soriano a sostegno del veterano Palacio come punta.
Al 9’ Barrow e Palacio sprecano un pallone di Skov Olsen. Al 21’ su angolo di Barrow Soriano impegna Mirante. Un minuto dopo è Danilo a mancare di poco la porta giallorossa. Il tempo si chiude con il vantaggio dei padroni di casa: un lancio dalle retrovie trova la difesa rossoblù mal posizionata, ne approfitta Borja Mayoral che salta Skorupski e deposita il pallone in rete (44’). Ripresa meno ricca di occasioni. Un nuovo errore in uscita della retroguardia del Bologna offre a Bruno Peres la battuta a rete, rimedia Skorupski (74’). Le sostituzioni spezzettano ulteriormente il ritmo della gara e il risultato non cambia più.
 
Condividi