Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/calcio-campionato-serie-A-Lazio-Roma-Inzaghi-Immobile-Luis-Alberto-Fonseca-56af83b2-a4da-46fd-b6cf-3b3076674a00.html | rainews/live/ | true
SPORT

Serie A, anticipo della 18ma giornata

La Lazio travolge la Roma nel derby, all'Olimpico finisce 3-0

Immobile e una doppietta di Luis Alberto danno la vittoria ai biancocelesti che si avvicinano in classifica: ora sono a 31 punti come Napoli e Atalanta, che però hanno due partite i meno. Giallorossi terzi a 34 ma a rischio sorpasso della Juventus

Condividi
Contro ogni previsione un derby senza storia. La stracittadina della Capitale incorona la Lazio che batte la Roma con un secco 3-0. Ai giallorossi non sono mancate occasioni, ma il passivo è di quelli che lasciano poco spazio alle recriminazioni. La terza in classifica subisce tre reti senza segnarne al cospetto di una squadra in evidente ripresa. Allo Stadio Olimpico, l’anticipo della 18ma giornata di campionato rappresenta un brusco stop per la squadra di Fonseca, reduce dal pareggio interno con l’Inter e ferma a 34 punti e a rischio sorpasso della Juventus, impegnata nel big match di San Siro domenica sera contro l’Inter. La Lazio, alla terza vittoria consecutiva, sale a quota 31, come Napoli e Atalanta, che non solo devono ancora giocare, ma devono pure recuperare un’altra partita.
 
Il 153° derby in serie A fa salire a 39 le vittorie Lazio, restano a 54 quelle della Roma, 60 i pareggi.
 
Simone Inzaghi con il consueto 3-5-2: Reina; Luiz Felipe, Acerbi, Radu; Lazzari, Milinković-Savić, Lucas Leiva, Luis Alberto, Marušić; Caicedo, Immobile. Fonseca con il 3-4-2-1: Pau Lopez; Mancini, Smalling, Ibañez; Karsdorp, Veretout, Villar, Spinazzola; Pellegrini, Mkhitaryan; Džeko. Arbitra Orsato di Schio.
 
Avvio di marca biancoceleste. Immobile spreca un contropiede all’8’, Pau Lopez blocca sul primo palo. Ma la ‘scarpa d’oro’ si riscatta al quarto d’ora: Ibañez perde palla in un contrasto con Lazzari, la sfera giunge a Immobile che stavolta non lascia scampo al portiere giallorosso. Immediata reazione della Roma con Džeko ma Reina risponde sicuro. Al 18’ però il portiere biancoceleste per poco non combina un pasticcio in uscita, rischiando l’autorete. Al 23’ arriva il raddoppio della Lazio, con Lazzari di nuovo in veste di assistman, questa volta a vantaggio di Luis Alberto che insacca con un destro sul secondo palo (inutili le proteste romaniste per una posizione di fuorigioco di Caicedo). Al 36’ una conclusione di Mkhitaryan termina di pochissimo a lato.
 
La Roma torna dagli spogliatoi con Pedro al posto di Veretout. Il copione però non cambia e Pau Lopez deve difendersi dalle insidie di Immobile (57’) e Milinković-Savić (59’). Fonseca inserisce Cristante per Villar al 60’. Tuttavia, è sempre il portiere giallorosso a togliere le castagne dal fuoco ai suoi, neutralizzando i tentativi di Caicedo (61’) e Immobile (63’). Cambi anche per Inzaghi: Escalante per Lucas Leiva (65’) e Akpa Akpro per Caicedo (66’). E al 67’ arriva il tris di Luis Alberto con un tiro angolato su cui Lopez non può arrivare. Al 69’ entra Patric per Luiz Felipe tra i biancocelesti. Al 71’ doppia sostituzione nella Roma: Bruno Peres per Spinazzola e Borja Mayoral per Mancini. All’83’ Hoedt per Radu e Muriqi per Immobile sono le ultime sostituzioni della Lazio. La Roma non si arrende e solo un prodigio di Reina toglie la gioia del gol a Džeko. Nel recupero, ancora lavoro per il portiere della Lazio che blocca un tentativo di Pedro. Al 93’ Luis Alberto chiama alla presa Lopez. Il risultato non cambia più.
Condividi