Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/calcio-campionato-serie-A-Napoli-Udinese-Gattuso-Insigne-c0d49e92-b30b-4981-80c5-e47fb78920ef.html | rainews/live/ | true
SPORT

Serie A, anticipo della 36ma giornata

Udinese travolta 5-1, il Napoli balza al secondo posto

Reti partenopee di Zielinski, Fabian Ruiz, Lozano, Di Lorenzo e Insigne. Squadra di Gattuso provvisoriamente un punto avanti ad Atalanta e Milan. Bianconeri friulani fermi a quota 40

Condividi
Come nel turno precedente, il Napoli vince l’anticipo e balza provvisoriamente al secondo posto, mettendo pressione alle concorrenti per un posto in Champions League. Al ‘Maradona’ Udinese battuta 5-1: i punti in classifica sono 73, uno in più di Atalanta e Milan, 4 più della Juventus, l’ultima squadra a battere i partenopei, ora al settimo risultato utile consecutivo. Bianconeri friulani fermi a quota 40. Così la partita che apre la 36ma e terz’ultima giornata di campionato, in turno infrasettimanale.
 
Nel 4-2-3-1 di Gattuso, Lozano, Zielinski e Insigne alle spalle di Osimhen unica punta. Gotti con il 3-5-1-1, dove Pereyra agisce a sostegno di Okaka.
 
Buon avvio dei padroni di casa, vicini al gol con Di Lorenzo al 10’. Al 17’ Osimhen di testa manda fuori di poco. Il vantaggio partenopeo arriva al 28’ con Zielinski che riprende una respinta di Musso su conclusione di Osimhen. Raddoppio a stretto giro a opera di Fabian Ruiz con un tiro a girare che finisce all’incrocio dei pali (31’). Prima dell’intervallo accorcia l’Udinese con un bel tiro angolato di Okaka (41’).
 
Al 56’ il tris del Napoli: errore di Musso che serve Lozano, il messicano non si impietosisce e trafigge il portiere bianconero. Reagisce l’Udinese con Ouwejan (dal 54’ per Becão) che con due conclusioni sfiora il gol (59’ e 60’). Ma il Napoli è una macchina da guerra. Osimhen impegna Musso al 65’, poi sugli sviluppi del corner Di Lorenzo insacca dopo respinta del portiere friulano su incornata di Manolas (66’). Al 77’ Insigne colpisce l’incrocio dei pali. Nel recupero c’è pure tempo per la cinquina calata da Insigne, al 18° successo personale.
Condividi