Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/cdm-virus-dpcm-misure-coronavirus-acd93ac8-5e2d-425d-b4ae-e3b768ce6954.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

Palazzo Chigi

Il Consiglio ministri approva il decreto legge Covid

Condividi
Il Cdm ha approvato il decreto legge Covid che permette al governo di fermare dal 20 dicembre gli spostamenti tra le regioni. Ora i ministri stanno discutendo sulle misure che verranno inserite nel Dpcm. Duro confronto in Consiglio dei ministri sul tema del blocco degli spostamenti tra i Comuni nei giorni di Natale e Capodanno. Le ministre Teresa Bellanova ed Elena Bonetti, a nome di Iv, hanno chiesto di eliminare il divieto dal decreto legge Covid. Ma, a quanto si apprende da più fonti, hanno preso posizione contro questa richiesta con nettezza i ministri di Pd, Leu e M5s. Alla proposta renziana si sarebbero opposti tutti gli altri capi delegazione, Dario Franceschini, Alfonso Bonafede e Roberto Speranza. Anche i Dem Francesco Boccia ed Enzo Amendola avrebbero preso la parola per opporsi all'allentamento della misura e ne sarebbe nato un "accesissimo" confronto con le ministre di Iv. Alla fine il decreto legge è stato approvato senza alcuna modifica alla norma: resta il divieto di uscire dal proprio Comune il 25 e 26 dicembre e il primo gennaio.

Era iniziato, con poco più di un'ora di ritardo, il Consiglio dei ministri chiamato a definire le nuove misure anti-Covid. I capisaldi del nuovo Dpcm sono stati definiti ieri, nel  corso della riunione tra il premier Giuseppe Conte e i capi  delegazione delle forze di maggioranza finito a tarda notte.

Dunque stop agli spostamenti tra Regioni, anche in area gialla, dal 20 dicembre, divieto di raggiungere le  seconde case, chiusura degli impianti sciistici, stop alle crociere e  coprifuoco confermato alle 22 anche nei giorni della vigilia di Natale e Capodanno.       

Tra le poche concessioni, dovrebbero figurare ristoranti e bar aperti  anche nei giorni di festa, ma senza deroghe per la chiusura alle 18,  alberghi in montagna aperti ma con servizio in camera sempre a partire dalle sei del pomeriggio: dunque veglioni e festeggiamenti al bando. Restano comunque da definire alcuni aspetti, non ultimo quello delle riaperture delle scuole superiori in tutta Italia.
Condividi