Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/clima-ambiente-parlamenti-cop-26-glasgow-pianeta-b3c0c5b0-e8fc-483d-86d8-d209db839c27.html | rainews/live/ | true
AMBIENTE

E' in gioco il futuro del nostro pianeta

COP26, il documento finale in attesa di Glasgow: Parlamenti siano centrali nella lotta per il clima

Condividi
La presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, durante la sessione conclusiva dell'incontro parlamentare della Pre-Cop 26, a Roma, alla Camera ha ribadito il ruolo dei Parlamenti nella battaglia per il clima. Il documento prodotto da questa conferenza- ha detto la Presidente Casellati-  "sottolinea con chiarezza il ruolo decisivo che i Parlamenti e i parlamentari possono svolgere nell'attuazione degli obiettivi climatici e ambientali previsti dall'Accordo di Parigi e dall'Agenda 2030. Un ruolo legato non solo alla loro funzione di stimolo, orientamento e controllo dell'operato dei governi nazionali, ma anche alla promozione di un contesto cooperativo a livello internazionale, attraverso la diffusione di buone pratiche e metodi di lavori efficaci. E naturalmente sono le assemblee legislative che devono dare attuazione concreta agli impegni internazionali sottoscritti dagli esecutivi".

I lavori hanno evidenziato che la la lotta alla crisi climatica è la principale sfida globale del momento.
Alessia Rotta, presidente della commissione Ambiente e territorio della Camera e relatrice della Cop26 per il Parlamento italiano, ha ribadito che " ciascuno di noi deve abbandonare gli egoismi e gli opportunismi politici e nazionali, per abbracciare una strategia di mitigazione e adattamento fondata sui valori comuni della responsabilità, della collaborazione, della solidarietà e della lungimiranza. È l'ultimo appello cui siamo chiamati a rispondere, prima che la crisi diventi irreversibile. È in gioco il futuro del nostro pianeta".

Secondo gli ultimi dati dell'organizzazione mondiale della Sanità, i cambiamenti climatici, entro il 2030, potrebbero causare circa  250.000 decessi in più ogni anno per malaria, malnutrizione, stress da ondate di calore. Dati  che vanno di pari passo con quelli  del Programma alimentare mondiale che mettono in rapporto  le mutazioni del clima e l’insicurezza alimentare a livello planetario.
Alessia Rotta ha sottolineato la "necessità di reclamare per i Parlamenti un ruolo centrale nell'azione climatica, anche attraverso l'adozione di strumenti di analisi di impatto climatico della legislazione".
Condividi