Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/compagna-giulian-assange-wikileaks-scrive-al-presidente-trump-chiede-la-grazia-73975dd5-7704-4a00-8de5-823f19e8c42d.html | rainews/live/ | true
MONDO

Appello su Twitter

Wikileaks, compagna di Assange scrive a Trump: "Lo mandi a casa per Natale"

Stella Moris fa appello per la grazia con un tweet dove compaiono i due figli della coppia. Assange è in carcere a Londra, in attesa della decisione su estradizione richiesta dagli Usa per spionaggio

Condividi
La compagna di Julian Assange, Stella Moris, ha rivolto su Twitter al presidente uscente degli Stati Uniti Donald Trump un appello di grazia per il fondatore di WikiLeaks, in carcere nel Regno Unito.

Pubblicando una fotografia dei due bambini della coppia, Moris ha scritto: "Questi sono i figli di Julian, Max e Gabriel. Hanno bisogno del padre. La nostra famiglia ha bisogno di essere di nuovo unita. La prego, lo faccia tornare a casa per Natale".

Il 49enne resta in un carcere di massima sicurezza a Londra, in attesa della decisione dei giudici sulla sua estradizione negli Usa per accuse di spionaggio. Da oltre una settimana è in isolamento nella sua cella, a causa di un'epidemia di coronavirus nel carcere. La decisione dei giudici è prevista entro il 4 gennaio.

Durante il periodo di esilio nell'ambasciata dell'Ecuador a Londra, Julian Assange avrebbe avuto i due figli da Stella Moris, uno dei suoi legali. Secondo il Daily Mail, che ha dato la notizia nell'aprile scorso,  la storia tra il fondatore di Wikileaks e la donna di origini sudafricane era iniziata nel 2015.

Il primo figlio Gabriel sarebbe stato concepito nel 2016, mentre il secondo, Max, nel febbraio 2019. Entrambi mentre Assange era in "regime di restrizione".
Condividi