Original qstring: refresh_ce | /dl/rainews/articoli/consigliere-regionale-lazio-davide-barillari-impedito-ingresso-in-aula-perche-privo-di-green-pass-a7be620a-bf56-4894-b5bd-cc6f6a1621ad.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

La polemica

Green pass, Lazio: vietato ingresso in Aula a consigliere no-vax

Il presidente del consiglio regionale vieta l'accesso a Davide Barillari, che protesta

Condividi
"In aula si entra col Green pass", sono state le parole del presidente del Consiglio regionale del Lazio, Marco Vincenzi, per spiegare il motivo per cui il consigliere regionale Davide Barillari, convinto no vax, non è potuto entrare nell'aula dove era in corso il consiglio regionale.

"Il Consiglio regionale del Lazio ha approvato una modifica del regolamento a inizio pandemia fissando delle norme anche per l'accesso all'Aula. Tra queste si è passati dalla necessità di effettuare il tampone per entrare in aula alla necessità di essere muniti di Green pass", ha spiegato Vincenzi. Sul consigliere Davide Barillari, ha detto: "Sistematiche da parte sua le violazioni nell'osservazione delle norme, che vanno rispettate anche per rispetto dei colleghi".   

I lavori sono stati successivamente sospesi. "Ritengo di sospendere il consiglio, convocheremo l'aula capigruppo per fissare la nuova seduta. Invito tutti, consiglieri e assessori, a essere presenti così come l'ufficio di Presidenza senza il quale non si può procedere all'avvio del consiglio e ad avere rispetto dell'orario e serietà verso gli altri colleghi", ha deciso il presidente Vincenzi, rispondendo alle sollecitazioni dei consiglieri indignati per il ritardo della seduta e per l'assenza del presidente Zingaretti.

Davide Barillari: norma in vigore dal 15 ottobre
"Stamattina mi è stata negato l'ingresso in aula con un dispiegamento spropositato di forze: la Digos, i carabinieri, la vigilanza privata e per me è inaccettabile", ha detto poco fa il consigliere regionale del Lazio, ex M5S espulso dal Movimento, privo di green pass. "La norma sarà attiva a partire dal 15 ottobre" ha ricordato Barillari che ha ribadito: "Prima del 15 ottobre l'accesso è consentito anche senza tampone e vaccino. Le ho già inviato una diffida e sto valutando se denunciare" ha aggiunto il consigliere regionale sottolineando che "quello  che è  successo questa mattina è  estremamente grave".
Condividi