Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/coronavirus-Tunisia-571a1ac1-7293-4caf-b945-afb2f2edb347.html | rainews/live/ | true
MONDO

La pandemia

​Covid-19, il Nordafrica non ce la fa. Tunisia evita la catastrofe sanitaria grazie alle donazioni

L'emergenza Covid in Nordafrica è alle stelle. E' corsa agli aiuti alla Tunisia

Condividi

Donazioni da paesi europei e del Golfo, tunisini nella diaspora e cittadini comuni si stanno riversando per aiutare la Tunisia colpita dal Covid ad evitare una "catastrofe" sanitaria, dicono i responsabili della sanità. Il paese maghrebino, che ha faticato a trovare i vaccini necessari prima che l'epidemia decollasse a luglio, ha ora ricevuto 3,2 milioni di dosi, in gran parte donate, e si prevede che superi i 5 milioni entro metà agosto, secondo il ministero della salute.

Circa 500.000 dosi sono arrivate dalla Cina, lo stesso numero dagli Emirati Arabi Uniti e 250.000 dosi dalla vicina Algeria. La Francia da sola ha dato più di un milione di dosi di Astra Zeneca e Janssen (il monodose Johnson & Johnson) questa settimana, abbastanza per vaccinare 800.000 persone, o "un decimo della popolazione adulta" di questo paese di 12 milioni di abitanti, ha detto il segretario di Stato Jean Baptiste Lemoyne.

Partecipano alle donazioni anche le associazioni e la diaspora: per Cyrine Chedly, membro dell'Organizzazione dei giovani medici tunisini, che ha lanciato un appello di donazioni rilanciato da altre associazioni e istituzioni, "la mobilitazione della società civile ha salvato la Tunisia da uno scenario disastroso". Il dottor Hechmi Louzir, capo dell'Istituto Pasteur di Tunisi, aggiunge che "le donazioni di vaccini ci permetteranno di accelerare la vaccinazione per raggiungere il nostro obiettivo di vaccinare circa il 50% della popolazione entro metà ottobre. Questo "ridurrà la circolazione del virus nel paese".    Ma i vaccini arrivano in ritardo. La Tunisia, che ha ricevuto solo un sesto delle dosi promesse nell'ambito del programma Covax per i paesi svantaggiati, è rimasta con uno dei peggiori tassi di mortalità da Covid del mondo. Gli ospedali pubblici, già in difficoltà in tempi normali a causa della cattiva gestione e della mancanza di risorse, hanno chiesto nuovamente aiuto all'inizio dell'estate per ottenere attrezzature protettive e strumenti per la rianimazione.

Nell'ospedale di Kairouan (nord), uno dei primi ad essere travolto dall'afflusso di pazienti alla fine di giugno, "le donazioni di concentratori di ossigeno hanno ridotto il numero di casi gravi e di morti", ha detto il dottor Chedly. Il campione di tennis Ons Jabeur ha venduto due racchette per finanziare un'unità di rianimazione.

Nel frattempo, la Francia e l'Italia hanno inviato nei giorni scorsi grandi quantità di ossigeno in container.  Altri paesi arabi come l'Arabia Saudita, il Qatar, l'Egitto, l'Algeria e gli Emirati Arabi Uniti hanno anche inviato tonnellate di attrezzature mediche. Anche la Mauritania ha offerto 15 tonnellate di pesce.

 

Condividi