Original qstring: refresh_ce | /dl/rainews/articoli/coronavirus-aosta-bimbo-nato-positivo-madre-contagiata-5e2cf090-aa85-448f-b76f-f9ac9b771660.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

Primo caso in Italia

Coronavirus, Aosta: bimbo nato positivo da madre contagiata, ha partorito con 38 di febbre

Un bambino nato all'ospedale Beauregard di Aosta è risultato positivo all'infezione da nuovo coronavirus. La madre, residente nella cintura di Aosta, anche lei positiva, ha partorito con 38 di febbre. Il risultato del tampone è arrivato il giorno dopo la nascita. 

Aosta, ospedale Beauregard
Condividi
Un bimbo nato nei giorni scorsi all'ospedale di Aosta è risultato positivo al coronavirus. Il parto è avvenuto la scorsa settimana, nella notte tra giovedì e venerdì. La notizia non viene, al momento, ufficialmente confermata "per motivi di privacy" dall'ospedale Beauregard di Aosta. Se confermato, sarebbe il primo caso ufficiale in Italia di bimbo nato positivo, ma pare possibile che in questo periodo si possano essere verificati altri casi di neonati positivi al Covid. Il reparto di ostetricia e ginecologia dell'ospedale Beauregard di Aosta ha attivato un protocollo, operativo dalla scorsa settimana, che prevede l'effettuazione di tamponi per Covid-19 alle donne gravide alla trentottesima-trentanovesima settimana di gestazione. All'interno dell'ospedale Beauregard è stata riorganizzata la degenza nei reparti di Ostetricia e Pediatria.

Tamponi alle future mamme
Nel reparto di Ostetricia e Ginecologia dell'ospedale Beauregard di Aosta vengono effettuati i test Covid-19 alle donne gravide alla 38-39a settimana. Lo ha comunicato l'Usl della Valle d'Aosta. Il protocollo è attivo dalla scorsa settimana. "Si tratta di un'azione volta a garantire il massimo livello di sicurezza per le nostre assistite - spiega il dottor Livio Leo, direttore del reparto - che vengono sottoposte al tampone anche al momento del ricovero pre-parto. Questa procedura, con doppio tampone, applicata, forse, per la prima volta in Italia, ci permette di poter fare entrare in sala parto, con le dovute attenzioni e con le opportune protezioni, anche i papà eventualmente 'asintomatici', che potranno così assistere al parto al fianco della mamma e accedere anche al reparto, seppur con alcune limitazioni e salvo, naturalmente, che non vi siano controindicazioni". La Sc Ostetricia e Ginecologia ha pubblicato sul sito internet dell'Usl anche un opuscolo informativo per le future mamme e per le neo-mamme Covid positive e sono in fase di preparazione le sintesi delle lezioni dei corsi di accompagnamento alla nascita da parte delle ostetriche e alcuni video con le informazioni utili alle mamme che si preparano al travaglio. 
Condividi