Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/coronavirus-bollettino-del-ministero-salute-del-25-ottobre-2021-a31cc5d6-afe6-4c0e-8c13-d540737a5726.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

I dati sulla pandemia

Coronavirus, in Italia 2.535 nuovi casi e 30 decessi. Il tasso di positività sale all'1,1%

Effettuati 222.385 tamponi. Aumentano i ricoveri, in lieve calo le terapie intensive. Brusaferro: non escludo terza dose per tutti

Condividi
Tutti i dati aggiornati in Italia e nel mondo

Secondo l'ultimo aggiornamento dei dati del ministero della Salute, nelle ultime 24 ore si sono registrati 2.535 nuovi casi, a fronte di 222.385 test effettuati. 30 i decessi. Ieri i casi erano stati 3.725 con 24 decessi e 403.715 tamponi.

Il rapporto tra nuovi casi e tamponi eseguiti sale all'1.1%, contro il precedente 0.9%.

Il totale degli ospedalizzati in Italia è di 2.917 pazienti, con un aumento di 103 casi rispetto a ieri. Di questi, in terapia intensiva sono 338, con una diminuzione di 3 unità. In isolamento domiciliare si trovano 71.737 persone, 224 in meno nelle ultime 24 ore. Tra dimessi e guariti si contano 4.537.210 persone, in aumento di 2.626 unità.

Il totale degli attualmente positivi in Italia è di 74.654 casi, cioè 121 in meno rispetto all'ultimo rilevamento. I deceduti sono 30 nelle ultime 24 ore per un totale di 131.856 vittime del Covid-19 dall'inizio della pandemia in Italia. I casi totali sono 4.743.720 (+2.535). I test/tamponi nelle ultime 24 ore sono stati 222.385, cioè 181.330 in meno rispetto al giorno precedente.

Le regioni che hanno registrato il maggior numero di nuovi casi giornalieri sono Sicilia (+443), Lazio (+386), Emilia-Romagna (+362), Campania (+253), Veneto (+220), Toscana (+211), Lombardia (+119).

Brusaferro: non escludo terza dose per tutti
"Oggi è raccomandata per alcune categorie, in particolare quelle più fragili, ma la terza dose di vaccino anti-Covid per tutta la popolazione è uno scenario verosimile". Lo ha riferito oggi il presidente dell'Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro, a margine di un convegno a Venezia.

"Noi continueremo a fare come abbiamo sempre fatto - ha aggiunto - monitorando sempre la persistenza della risposta immunitaria, e man mano che ci saranno le evidenze del caso, saranno declinate dal punto di vista organizzativo", ha concluso Brusaferro.
Condividi