Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/coronavirus-italia-live-streaming-raccolta-fondi-protezione-civile-litaliachiamo-5df37d01-b5d9-4705-a38c-05bfe89e437e.html | rainews/live/ | true
ITALIA

#litaliachiamò #iorestoacasa

#L'Italia chiamò, un mega live streaming per raccontare l'Italia che resiste al Covid-19

Tutti insieme online e restando a casa per raccontare come il Paese sta resistendo e reagendo all'emergenza coronavirus. Oltre 100 artisti sono stati coinvolti per sostenere il grande sforzo di tutto il sistema sanitario e raccogliere fondi per la protezione civile

Condividi
E' iniziato alle 6 di questa mattina e andrà avanti ininterrottamente fino alle 24, in una diretta web coinvolgente e senza soste, #l'italiachiamò, quello che è già stato definito il più grande live streaming di tutti i tempi. Un'idea nata per raccontare e raccontarsi, come Italia e come Italiani, in questi giorni di resistenza e di reazione del Paese alla minaccia del coronavirus. Ma anche per raccogliere fondi che possano aiutare e sostenere il grande sforzo di tutto il sistema sanitario e della protezione civile.
 
All'iniziativa partecipano con entusiasmo oltre 100 artisti, conduttori di radio e tv, protagonisti del mondo istituzionale, della cultura, della scienza, dell’economia, dell’informazione e dell’innovazione in live streaming sul canale YouTube del MiBACT, su litaliachiamo2020.it e su tutti i siti di news e di emittenti che vorranno mettere a disposizione le proprie frequenze e i propri spazi per dare un contributo al “risorgimento” del Paese. Presenti anche i Ministri Dario Franceschini, Stefano Patuanelli, Lucia Azzolina, Fabiana Dadone e Paola Pisano.


 
“L’Italia Chiamò” è una piattaforma aperta che si avvale del contributo di tutti gli italiani.

L’Italia dello spettacolo, della cultura, della scienza, dell’economia, dell’informazione e dell’innovazione si unisce oggi nel più grande live streaming di tutti i tempi su YouTube. Oltre 100 protagonisti e protagoniste raccontano al mondo, insieme alla società civile, come reagisce l’Italia davanti all’emergenza coronavirus. E ribadiscono come sia necessario, oggi più che mai, ascoltare le indicazioni che ci vengono fornite per contenere il contagio: perché “rimanere in casa” non è tempo perduto, ma l’occasione per fare qualcosa di straordinario.
 
“L’Italia Chiamò” è una maratona online promossa da tutti gli italiani. Un modo per contribuire a cambiare la narrazione del Paese e mostrare al mondo la sua capacità di reazione. Una lunga staffetta tra conduttori radio e tv di tutte le emittenti che ha presovita questa mattina in live streaming alle 6.00 e terminerà alle 24.00 su litaliachiamo2020.it, sul canale YouTube del MiBACT - Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo e su centinaia di altri siti di news e di emittenti che hanno messo a disposizione le proprie frequenze e i propri spazi per dare un contributo al “risorgimento” del nostro Paese. 
 
I conduttori
La lunga diretta web vede passarsi il testimone, tra gli altri: Ernesto Assante (la Repubblica), Barbara Carfagna (Rai1), Massimo Cerofolini (Rai Radio 1), Helga Cossu (SkyTg24), Laura Delli Colli (Fondazione Cinema per Roma, SNGI), Pierluigi Diaco (RTL 102.5), Enrico Galletti (RTL 102.5), Massimo Giannini (Radio Capital), Linus (Radio Deejay), Riccardo Luna, Stefano Mannucci (RTL 102.5), Anna Pettinelli (RDS), Barbara Sala (RTL), Nicola Savino (Radio Deejay), Marino Sinibaldi (Rai Radio3), Simone Spetia (Radio 24), Luca Sofri (ilPost.it), Andrea Vianello (Rai1), Filippo Solibello, Marco Ardemagni, Claudia De Lillo aka Elasti (Caterpillar AM, Rai Radio2).
 
Protagonisti
Tanti i protagonisti e le protagoniste del mondo della cultura, dello spettacolo, della scienza, dell’economia e dell’informazione. Come: Manuel Agnelli, Alfa, Claudio Amendola, Alberto Angela, Maria Antonietta, Renzo Arbore, Avincola, Luca Barbarossa, Costanza Calabrese, Giorgio Barberio Corsetti, Franco Bechis, Manuel Bertoluzzo, Lorenzo Biagiarelli, Andrea Bocelli, Massimo Bonelli, Massimo Bottura, Alex Britti, Massimiliano Bruno, Brunori Sas, Antonio Cabrini, Calcutta, Marco Camisani Calzolari, Cristiana Capotondi, Ilaria Capua, Federica Carta, Casa Surace, Daniela Collu, Carlo Conti, Luigi Contu, Eugenia Costantini, Ilaria D’Amico,Cristina D’Avena, Lisa Dalla Via, Gigi D’Alessio, Federica De Denaro, Eugenio in Via di Gioia, Oscar Farinetti, Matteo Faustini, Pierfrancesco Favino, Edoardo Ferrario, Fiorello, Matteo Flora, Giovanni Floris, Anna Foglietta, Luciano Fontana, Fulminacci, Francesco Gabbani, Paolo Genovese, Claudia Gerini, Roberto Giacobbo, Giosada, Michela Giraud, Irene Grandi, Leo Gullotta, Caterina Guzzanti, Sabrina Impacciatore, J-Ax, Joan Thiele, Jaqueline, I Rovere, La Municipal, Gianmichele Laino, Le Vibrazioni, Lo Stato Sociale, Carlo Lucarelli, Emma Marrone, Claudio Michelizza, Mirkoeilcane, Laura Morante, Motta con Carolina Crescentini, Negramaro, Tommaso Paradiso, Orchestra di Piazza Vittorio, Andrea Petroni, Eva Pevarello, Andrea Pezzi, Pinguini Tattici Nucleari, Piotta, Nicola Piovani, Giorgio Poi, Massimo Popolizio, Alessandro Quarta, Saverio Raimondo, Rancore, Marina Rei, Rockin’1000, Ron, Matteo Rovere, Enrico Ruggeri, Dario Sansone, Lunetta Savino, Young Signorino, Daniele Silvestri, Ema Stokholma, Anna Tatangelo, The André, The Jackal, The Pills, Paola Turci, Carlo Verdone, Alessandro Vespignani, Carlo Verdone, Paolo Virzì, Yuman, Fabio Zaffagnini.
 
Le storie
In diretta la messa in scena di frammenti di festival culturali, produzioni teatrali, concerti e mostre sospese o cancellate: performance, interviste, canzoni, poesie, tutte in streaming dalle case degli artisti. Le storie di chi sta tenendo aperte le scuole attraverso la tecnologia, assicurando a migliaia di ragazzi la continuità didattica. Gli imprenditori e i manager che con lo smart working stanno reinventando le proprie aziende per continuare ad essere le protagoniste del tessuto produttivo del nostro Paese. I tanti artigiani e wwworkers distribuiti in ogni angolo d’Italia che continuano ad animare le loro piccole imprese sfruttando le leve del digitale. E la Notte Bianca Digitale, organizzata da Marianna Marcucci con invasioni Digitali e Gianluigi Tiddia (Insopportabile). 
 
Tutto questo è “L’Italia Chiamò”. Una piattaforma aperta che si avvale del contributo di tutta la società civile. Ogni cittadino può partecipare e raccontare come sta affrontando l'emergenza coronavirus a casa, a lavoro e nel proprio comune, inviando foto e video a: partecipa@litaliachiamo2020.it. Si può seguire il live anche sui canali social Facebook, Twitter e Instagram L’Italia Chiamò. Per interagire e porre domande gli hashtag sono: #litaliachiamò #iorestoacasa.
 
Raccolta fondi
Protagonisti di “L’Italia Chiamò” le voci di chi non vuole arrendersi nel rispetto di quanto chiesto dalle autorità. Insieme in una maratona di solidarietà per promuovere un’imponente raccolta fondi per sostenere il grande sforzo dei medici, degli infermieri e di tutti gli addetti del sistema sanitario nazionale e per la creazione di nuove postazioni presso i reparti di terapia intensiva su tutto il territorio nazionale. È possibile donare effettuando un versamento con causale L’Italia Chiamò sul conto corrente messo a disposizione dalla Protezione Civile: conto corrente di tesoreria 22330 intestato a Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento della protezione civile - CF 97018720587- IBAN: IT49J0100003245350200022330 - BIC: BITA IT RR ENT - CIN: J. Il ricavato verrà destinato ai reparti di terapia intensiva maggiormente “stressati” dall’emergenza in corso.
Condividi