Original qstring: refresh_ce | /dl/rainews/articoli/coronavirus-regioni-stato-trasporti-scuola-faa531c2-471f-4881-b43b-58b813368ba2.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

Conferenza Unificata

Coronavirus, scuola: via libera all'unanimità alle linee guida sul trasporto

Aumentare la capienza dei mezzi pubblici in sicurezza, differenziazione di orari di apertura di scuole, uffici e negozi, ricerca della mobilità sostenibile. Sono alcune delle voci sulle quali è stata trovata l'unanimità tra governo, province, comuni e regioni

Condividi
E' arrivato in serata il via libera alle "Linee guida" del trasporto pubblico del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti con le misure organizzative per il contenimento della diffusione del Covid-19 e le modalità di informazione agli utenti in materia di trasporto pubblico. Il testo ha incassato il parere positivo all'unanimità di Regioni, Comuni e Province. Lo conferma il ministero dei Trasporti, che spiega che vengono così introdotte alcune novità per aumentare la capienza dei mezzi pubblici in condizioni di sicurezza, per favorire la ripresa ordinata dell'attività scolastica, economica e culturale del Paese. La differenziazione e il prolungamento degli orari di apertura degli uffici, degli esercizi commerciali, dei servizi pubblici e delle scuole di ogni ordine e grado, spiegano dal Mit, "è importante per modulare la mobilità dei lavoratori e prevenire conseguentemente i rischi di aggregazione connessi alla mobilità dei cittadini. E' raccomandata, quando possibile, l'incentivazione della mobilità sostenibile (biciclette, e-bike, ecc.)".

Inoltre, per aumentare le corse dei mezzi di trasporto, soprattutto durante le ore di punta, possono essere destinate ai servizi di linea per trasporto di persone anche le autovetture a uso di terzi attraverso procedure semplificate per l'affidamento dei servizi.

Le misure decise
Il nuovo piano prevede l'aumento della capienza massima dei mezzi all'80%, aumentando i posti a sedere e una maggiore riduzione di quelli in piedi. Un limite che potrà essere superato, arrivando quasi al 100%, installando "separazioni removibili" tra i sedili, come si legge nelle linee guida. La capienza massima, inoltre, potrà essere raggiunta per i tragitti che non superino i 15 minuti. I mezzi, sui quali bisognerà continuare ad indossare la mascherina, dovranno essere forniti di dispenser per l'igienizzazione e dovranno essere sanificati garantendo un ottimo ricambio d'aria. Il governo, inoltre, stanzierà nella legge di Bilancio 200 milioni per le Regioni e 150 per Comuni e Province per i servizi aggiuntivi di trasporto ritenuti indispensabili per l'avvio dell'anno scolastico.

A casa misurazione febbre
Misurazione della febbre a casa degli studenti prima della salita sul mezzo di trasporto scolastico e assoluto divieto di far salire sul mezzo dedicato gli alunni in caso di alterazione febbrile o nel caso in cui siano stati in diretto contatto con persone affette da Covid-19 nei quattordici giorni precedenti. Sono altre misure anti-coronavirus comunicate dal ministero dei Trasporti.  

Le norme per la metro
 "Differenti flussi di entrata e di uscita", "idonei sistemi" per segnalare il raggiungimento dei livelli di saturazione e "sistemi di videosorveglianza e/o telecamere intelligenti per monitorare i flussi ed evitare assembramenti". E' quanto previsto, nelle stazioni della metropolitana, nelle linee guida sul trasporto pubblico locale approvate in Conferenza Unificata.

Nel testo si prevedono "differenti flussi di entrata e di uscita, garantendo ai passeggeri adeguata informazione per l'individuazione delle banchine e dell'uscita e il corretto distanziamento sulle banchine e sulle scale mobili anche prima del superamento dei varchi". Vanno predisposti "idonei sistemi atti a segnalare il raggiungimento dei livelli di saturazione stabiliti" e va previsto "l'utilizzo dei sistemi di videosorveglianza e/o telecamere intelligenti per monitorare i flussi ed evitare assembramenti, eventualmente con la possibilità di diffusione di messaggi sonori/vocali scritti".

La seduta straordinaria della Conferenza Unificata convocata dal ministro per gli Affari Regionali Francesco Boccia sul trasporto pubblico locale ha preso il via nel tardo pomeriggio di oggi. Presente anche il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli. In collegamento i ministri della Salute e dell'Istruzione, Roberto Speranza e Lucia Azzolina. Per le Regioni il presidente del Molise Donato Toma, il vicepresidente della Campania Fulvio Bonavitacola, gli assessori regionali ai trasporti, e i presidenti di Anci e Upi Antonio Decaro e Michele De Pascale.

Boccia: a scuola in sicurezza, con unità stop a polemiche
"La volontà di fare il bene dei nostri ragazzi ha fatto superare polemiche e ostacoli e permesso di raggiungere un obiettivo fondamentale: permettere a tutti gli studenti di arrivare a scuola e di farlo in sicurezza. Quando tutti i soggetti che hanno responsabilità su questi temi si impegnano in modo unitario i problemi si risolvono. La conferenza unificata termina quindi in modo positivo ed è per me motivo di profonda soddisfazione. Anche perché sono stato sempre convinto della possibilità di una proficua conclusione". Così il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Francesco Boccia, al termine della Conferenza Unificata.
Condividi