Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/coronavirus-salgono-i-casi-in-america-latina-record-usa-bdd71193-e50f-403e-b09d-7d0d54b70163.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

Netanyahu convoca riunione urgente: 800 contagi in 48 ore

​Coronavirus, nel mondo vittime superano i 500mila

Il governatore dello Stato australiano di Victoria, Daniel Andrews, non esclude un nuovo lockdown per frenare la diffusione di Covid-19 dopo lo scoppio di diversi focolai a Melbourne. In Iran, il Presidente Rohani, ha annunciato che le mascherine saranno obbligatorie in determinate zone del Paese a partire dalla prossima settima 

Condividi
I morti per Coronavirus nel mondo superano il mezzo milione. Secondo  i dati della Johns Hopkins University, i morti sono 500.108.  Secondo  l'ultimo aggiornamento della Johns Hopkins University (Jhu) si contano 501.893 morti, di cui 125.803 solo negli Stati Uniti, il Paese più  colpito dalla pandemia. Qui, stando a quanto emerso dai dati della Jhu, si sono registrati 288 decessi in 24 ore. A livello globale i  contagi hanno superato i 10 milioni e sono 10.145.791 i casi finora  accertati, ben 2.548.996 dei quali negli Stati Uniti.

Al secondo posto c'è il Brasile con oltre 1.300.000 casi e circa 57 mila decessi. Nelle ultime 24 ore ci sono stati 30.476 nuovi casi di Covid-19 e altri 552 morti, ha annunciato il ministero della Salute. In totale, le vittime del coronavirus nel Paese sono 57.622 e i casi accertati 1.344.143.

La Russia è al terzo posto dell'infelice classifica con  634.437 casi e oltre 9mila morti. Seguono India con 529 mila infetti, Regno Unito con 300 mila casi e Spagna con 295 mila infezioni.

America Latina, casi e morti in forte crescita: 63mila nuovi contagi in 24 ore
Mentre l'Europa si divide su quali paesi concedere la possibilità di movimento nei propri confini, dall'America Latina continuano ad arrivare notizie scoraggianti. Nelle ultime 24 ore i casi sono cresciuti a 2.421.046 (+63.092) con 110.457 (+2.506) morti.Se è vero che la pandemia sia esplosa in Brasile, è altrettanto vero che l'andamento della diffusione del virus cresce anche nei paesi limitrofi: il Perù registra 275.989 casi e 9 mila morti, il Cile  267.766 infetti con 5.347 decessi e ancora il Messico 212.802 contagiati e 26.381 morti, l'Ecuador 54.574 infetti e 4.424 decessi, l'Argentina 57.744 contagiati e 1.207 morti, la Repubblica  Dominicana 30.619 infetti e 718 morti, Panama 29.905 contagiati e 575 morti e Bolivia 29.423 infetti e 934 decessi. La Colombia, 2.939 morti, con i suoi 88.591 casi supera la Cina: ha riportato un record di 4.149 nuovi casi di coronavirus in un giorno, terzo record giornaliero di infezioni in una settimana.

Russia:  6.791 nuovi casi
La Russia ha registrato 6.791 nuovi casi di coronavirus in un giorno, portando il numero totale di contagi a 634.437, mentre i 104 decessi delle ultime 24 ore hanno portato delle vittime della pandemia di Covid-19 a 9.073. Lo hanno reso noto le autorità sanitarie del Paese. 

Cina: sette nuovi casi
Pechino registra sette nuovi  casi di trasmissione locale di Covid-19 rispetto ai 14 segnalati ieri. La Commissione sanitaria della capitale cinese ha anche riferito di un nuovo caso relativo a un soggetto asintomatico e di altri quattro casi sospetti. Dall'11 al 28 giugno, secondo i dati ufficiali, sono 318 i  casi confermati a Pechino, dove un focolaio nel mercato all'ingrosso  di Xinfadi ha riportato l'allerta ai massimi livelli dopo che per 57  giorni non si erano registrati casi di trasmissione locale.   A livello nazionale, stamani le autorità sanitarie hanno segnalato in  tutto 12 nuovi contagi: i sette di Pechino più cinque 'importati', tre dei quali nella provinca di Sichuan, uno in quella di Liaoning e  l'altro a Shanghai. I dati ufficiali indicano un totale di 1.907 casi  'importati' dall'inizio dell'emergenza sanitaria con 84 pazienti che  restano ricoverati. Il bilancio della Commissione sanitaria nazionale  parla inoltre di 83.512 contagi con 4.634 decessi e 78.460 guarigioni.

In Giappone il più alto picco casi da revoca lockdown
Il Giappone ha registrato ieri 112 nuove infezioni da coronavirus, il più alto aumento giornaliero dal 25 maggio quando il paese ha revocato lo stato di emergenza, come ha annunciato oggi il ministero della Sanità.Il ministero ha affermato di aver registrato anche un'ulteriore morte correlata al coronavirus, come riporta la CNN. I nuovi casi di coronavirus sono aumentati costantemente in Giappone negli ultimi giorni, con oltre 100 nuovi casi quotidiani registrati per la seconda volta negli ultimi tre giorni. Il segretario di gabinetto, Yoshihide Suga, ha detto che il governo non crede che sia necessario ricomporre lo stato di emergenza. Suga ha affermato che il recente picco è il risultato dell'aumentato test proattivo di coloro che sono in stretto contatto con i pazienti che sono risultati positivi al virus. La capitale del Giappone, Tokyo, ha registrato il suo più alto aumento giornaliero di nuovi casi in circa due mesi, annunciando 60 nuovi casi domenica. Tokyo ha riportato un totale di 6.114 casi. Il Giappone ha registrato un totale di 18.366 casi di coronavirus, inclusi 972 decessi, secondo un conteggio della Johns Hopkins University.

Israele. Netanyahu convoca riunione urgente. Oltre 800 contagi negli ultimi due giorni
Il premier Benyamin Netanyahu ha convocato oggi una consultazione urgente con alcuni ministri per fronteggiare la crescente diffusione dei contagi di coronavirus. Fra i provvedimenti che saranno discussi, anticipa il quotidiano Israel Ha-Yom, la limitazione degli assembramenti di persone ad un massimo di 50, che potrebbe poi essere ridotto  a sua volta anche a 10 persone se la situazione non migliorasse. Inoltre potrebbe essere ordinata la chiusura delle sale ricevimenti (che erano state riaperte di recente). In pericolo anche i campi estivi di ricreazione scolastica così come l'accesso alle spiagge pubbliche. Secondo dati diffusi oggi dal Ministero della Sanità, i casi positivi sono saliti a 23.462, oltre 800 in più rispetto a venerdì. Le guarigioni assommano a 17mila, mentre i malati sono adesso 6.127, 41 dei quali in rianimazione- i decessi sono saliti a 317.

Australia. Focolaio a Melbourne, Governatore non esclude lockdown
Il governatore dello Stato australiano di Victoria, Daniel Andrews, non esclude un nuovo lockdown per frenare la diffusione di Covid-19 dopo lo scoppio di diversi focolai a Melbourne, dove ieri sono stati registrati 49 casi di contagio. "Nessuno lo vuole a meno che non sia assolutamente necessario", ha assicurato Andrews. Negli altri Stati del Paese la situazione è molto più contenuta:  nell'Australia Occidentale c'è stato solo un caso; tre nel Nuovo Galles del Sud (tutte persone provenienti dall'estero) e nessuno nel Queensland e nell'Australia Meridionale. Le autorità stanno conducendo una massima campagna di test: solo venerdì ne sono stati fatti 40 mila. "Il contenimento della pandemia è qualcosa che possiamo fare. I test e la tracciabilità dei contagi è la cosa più efficace da fare", ha spiegato il governatore.

Iran. Obbligo mascherine e possibili nuovi lockdodwn
Il presidente iraniano, Hassan Rohani, ha annunciato che le mascherine saranno obbligatorie in determinate zone del Paese a partire dalla prossima settima e ha dato alle province più colpite dalla nuova ondata di Covid-19 il via libera per reintrodurre misure restrittive. Indossare la mascherina sarà "obbligatorio negli spazi chiusi dove ci sono assembramenti", ha dichiarato Rohani durante una conferenza televisiva della task force anti-virus del Paese. La misura entrerà in vigore a partire dalla prossima settimana, e sarà valida fino al 22 luglio e potrà essere estesa se
necessario, ha aggiunto.

Il capo di Stato ha affermato inoltre che il ministero della Salute ha stilato "un elenco chiaro" di spazi e assembramenti considerati ad alto rischio. L'Iran ha riferito i suoi primi casi di Covid-19 il 19 febbraio scorso e da allora ha lottato per contenere l'epidemia con il bilancio delle vittime che ha superato i 10 mila e il numero di contagiati oltre 220 mila.I dati ufficiali hanno mostrato una traiettoria crescente in nuovi casi confermati dall'inizio di maggio, quando l'Iran aveva toccato un minimo da quasi due mesi nelle infezioni giornaliere registrate."Qualsiasi contea che è classificata al livello rosso, il suo comitato provinciale (virus) può proporre di reimpostare le restrizioni per una settimana", che potrebbero essere estese se necessario, ha annunciato Rohani.

Pakistan, 3.557 casi in 24 ore
Il Pakistan ha registrato 3.557 nuovi casi di coronavirus e 49 ulteriori decessi nelle ultime 24 ore: lo ha reso noto oggi il ministero della Sanità. I nuovi dati portano il bilancio complessivo dei contagi a quota 206.512 e quello dei morti a  4.167.   Nella regione più colpita, il Punjab, i casi hanno superato quota 8.000, mentre nella regione del Sindh sono a quota 74.778.Finora sono guarite 95.407 persone, di cui 2.783 nelle ultime 24 ore. Almeno 2.805 pazienti sono in condizioni critiche.
Condividi