Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/corte-conti-squitieri-con-troppe-leggi-corruzione-26a9485f-00f4-4158-90bd-242f653c0642.html | rainews/live/ | true
POLITICA

Burocrazia

L'allarme della Corte dei conti: "Eccesso di leggi causa corruzione"

Lectio magistralis del presidente Squitieri: "Più i procedimenti sono complessi più è facile intervenire per semplificarli chiedendo qualcosa in cambio"

Condividi
Con l'Expo e lo Sblocca Italia "siamo arrivati al paradosso: per poter raggiungere un obiettivo si è dovuto fare un dl per dire che le leggi non si rispettassero. C'è qualcosa che non va". Lo ha detto il presidente della Corte dei conti, Raffaele Squitieri, denunciando l'eccesso di leggi. L'eccesso di leggi in Italia "causa corruzione", perché "ci si avvale della complessità del procedimento per intervenire a facilitarlo chiedendo qualcosa in cambio". Così Squitieri, in una lectio magistralis sulla corruzione.

L'Ufficio parlamentare di bilancio
La nascita dell'Ufficio parlamentare di bilancio ha creato "un problema di competenza" con la Corte dei conti, ha sottolineato il presidente dei magistrati contabili. Quelle affidate all'Upb sono "valutazioni che noi facciamo da sempre", ha osservato. Squitieri ha ricordato che il nuovo ufficio è nato per rispetto della normativa Ue, ma in Francia, ha citato ad esempio, "non è stato costituito".

Debiti della P.A.
I debiti delle pubbliche amministrazioni con le imprese non si pagano o per mancanza di risorse o per i limiti imposti dal patto di stabilità. Secondo Squitieri "i soldi in cassa si hanno ma non si possono usare". Seguendo le regole del patto di stabilità interno le risorse sono infatti "bloccate dalla Corte che deve far rispettare la legge".
Condividi