Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/covid-bonaccini-ok-draghi-mix-tra-rigore-e-flessibilita-3c220fe0-3e4c-4e96-aa3d-883c51038bec.html | rainews/live/ | true
POLITICA

Si intravede termine della pandemia sanitaria

Covid. Bonaccini a Rainews24: "Ok Draghi, mix tra rigore e flessibilità"

"Il coprifuoco alle 22 o alle 23 non cambia molto dal punto di vista epidemiologico. Il Governo ha fatto scelte molto ponderate. Vediamo come vanno i contagi, ma già il fatto di vedere alcune attività che hanno ripreso a lavorare è positivo, ma non bisogna avere fretta" ha spiegato il Governatore dell'Emilia-Romagna

Condividi
"Stimo a fine maggio che oltre 1,5 milioni di persone saranno vaccinate tra seconda e prima dose ed entro l'estate, se le previsioni sulle consegne dei vaccini saranno confermate, avremo vaccinati tutti coloro che si vogliono vaccinare". Così il presidente della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, ospite a Rainews24. "A fianco della pandemia sanitaria rischiamo di averne una economica. Alla fine del prossimo anno potrebbe succedere che in Emilia si torni al Pil del 2019, mi auguro che accada, sarebbe un miracolo, ma abbiamo alcune categorie economiche come lo sport, la cultura, lo spettacolo e il turismo che sono in ginocchio. Dobbiamo stare attenti che non si trovino lasciati soli. Bene le scelte di Draghi su alcune misure e se non risale il contagio si potrà andare a riaprire altre attività ora chiuse - ha aggiunto - le questioni che attengono alla pandemia vanno affrontate con una giusta dose mista tra rigore e flessibilità. Da oltre anno siamo in pieno combattimento, ma cominciamo a vedere il termine della pandemia sanitaria o quantomeno la luce in fondo al tunnel si avvicina".  


Per Bonaccini "il coprifuoco alle 22 o alle 23 non cambia molto dal punto di vista epidemiologico. Il Governo ha fatto scelte molto ponderate e ha dato un segnale per dire che non si deve fare un 'tana liberi tutti'. Vediamo come vanno i contagi, ma già il fatto di vedere alcune attività che hanno ripreso a lavorare è positivo, ma non bisogna avere fretta". Il governatore ha poi sottolineato come "ci sono categorie che non hanno mai sofferto prima e questi sono un pezzo della ripartenza del Paese, stiamogli vicino". Sulla possibilità che in Emilia Romagna si possa pensare a stabilimenti balneari covid free, Bonaccini ha chiosato: "Draghi ha fatto una cosa straordinaria con il passaporto vaccinale con le persone che potrebbero arrivare da altre parti del mondo. Abbiamo un turismo che non è solo quello balneare, discuteremo di questo".


"La vittoria di Diaz Ayuso? Analizzare i dati, non solo ragioni coincidenti con pandemia"
Commentando il voto delle elezioni regionali di Madrid che hanno visto trionfare l'esponente popolare Isabel Díaz Ayuso, Bonaccini ha detto: "Siamo abituati, soprattutto in Italia a giudicare emotivamente ciò che accade dopo poche ore nelle elezioni in una città, in una Regione, in un Paese, nel mondo: bisogna rifletterci con calma, con pazienza, analizzare i dati, ci sono ragioni che non sono solo coincidenti con i temi della pandemia, c'è anche altro".

Roma. A Zingaretti non servono miei consigli
Bonaccini infine sulla decisione di Zingaretti di non candidarsi per fare il sindaco di Roma ha replicato: "Non ha bisogno dei miei consigli. E' una personalità importante e capace e sta facendo molto bene il presidente della Regione Lazio e gli faccio i miei complimenti per come sta gestendo la regione".
Condividi