Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/covid-russia-chiude-attivita-lavorative-una-settimana-acb68e75-8213-4fba-ba89-3c3f82d832d0.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

Per contrastare l'aumento dei contagi

Covid, la Russia chiude le attività lavorative per una settimana

In Russia nel corso dell'ultima giornata si sono registrati 1.028 decessi provocati dal Covid-19, il massimo in un giorno dall'inizio dell'epidemia

Condividi
Il presidente russo, Vladimir Putin, ha approvato la proposta del Gabinetto di dichiarare una settimana non lavorativa, ma con il mantenimento della retribuzione, a partire dal 30 ottobre, per far restare a casa i lavoratori e contrastare l'aumento dei contagi di Covid-19. Nella settimana dal 30 ottobre, quattro di sette giorni sono festività nazionali. Putin ha aggiunto che in alcune zone, dove la situazione è particolarmente grave a livello di pandemia, lo stop potrebbe iniziare sabato.

In Russia nel corso dell'ultima giornata si sono registrati 1.028 decessi provocati dal Covid-19, il massimo in un giorno dall'inizio dell'epidemia: lo riferisce l'agenzia di stampa statale russa Tass citando i dati del centro operativo nazionale anticoronavirus.   Stando ai dati ufficiali, nel corso delle ultime 24 ore nel Paese sono stati accertati 34.073 nuovi casi di Covid-19.

Oms: rallenta il trend in discesa nel mondo 
Rallenta il trend in discesa dei  nuovi casi e dei morti Covid, che si osservava da settimane nel mondo. Negli ultimi 7 giorni presi in esame dall'Organizzazione mondiale  della sanità (Oms), i numeri si stanno stabilizzando a livello  globale: i contagi registrati sono oltre 2,7 milioni e oltre 46mila  sono stati i decessi nel periodo 11-17 ottobre, con un calo  rispettivamente del 4 e del 2%.       

L'inversione di tendenza comincia a essere chiara nella regione  Europea, che è l'unica area a registrare per la terza settimana  consecutiva un aumento dei nuovi casi di Covid: +7% rispetto alla  settimana precedente, per un totale che supera 1,3 milioni di contagi  in 7 giorni. Anche sul fronte delle morti il dato è in crescita: +4%,  per un totale settimanale di 17.998. Nel periodo considerato dal  bollettino Oms, un caso su 2 è stato registrato in Europa e quasi il  40% delle morti segnalate a livello globale.       

Lievissimo aumento dei decessi (1%) anche nella regione del Pacifico occidentale. La più grande diminuzione dei nuovi casi settimanali è  stata segnalata invece dalla regione Africana (18%), seguita dalla  regione del Pacifico occidentale (17%). Il numero cumulativo di casi  confermati segnalati a livello globale è ora superiore a 240 milioni e il numero cumulativo delle morti è superiore a 4,8 milioni. Anche il  più grande calo dei nuovi decessi settimanali è stato segnalato dalla  regione Africana, che mostra una diminuzione del 24% rispetto alla  settimana precedente.
Condividi