Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/covid-usa-varianti-2a6be08c-167a-4ec3-81b3-42a92b1aab14.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

La pandemia

Coronavirus negli Usa. È allarme quarta ondata

Le autorità sanitarie prevedono fino a 47mila morti entro fine marzo

Condividi
È allarme negli Usa per un'eventuale quarta ondata di Covid.

Mentre alcuni Stati come il Texas stanno rimuovendo ogni restrizione anti-covid, le autorità sanitarie mettono in guardia da una nuova ondata del virus a causa delle varianti. Si prevede un boom di morti fino a 564mila entro il prossimo 27 marzo.

Considerando che ad oggi dall'inizio della pandemia le vittime in usa sono quasi 517 mila, se si avverassero le previsioni delle autorità ci sarebbero 47mila decessi in poco più di tre settimane, con una media di quasi 2mila morti al giorno. 

Il Presidente Biden: no mascherine? E' pensare come uomo di Neanderthal
"E' un "grande errore" la decisione di Texas e Mississippi di revocare l'obbligo di indossare la mascherina. Mi auguro che tutti capiscano ora come queste protezioni facciano la differenza". Così il presidente degli Stati Uniti Joe Biden. "Siamo davvero sull'orlo di cambiare in modo determinante la natura di questa malattia perchè stiamo riuscendo a iniettare i vaccini".
Poi il Presidente ha ribadito che entro fine maggio dovrebbero essere disponibili dosi per vaccinare tutti americani gli adulti.

L'appello dell'autorità sanitaria americana
Le restrizioni non vanno allentate perché i prossimi due mesi saranno cruciali per capire la direzione della pandemia. È duro il monito che arriva dal capo dell'autorità sanitaria americana Rochelle Walensky.

Un forte appello dopo l'annuncio del Texas e del Mississippi di revocare l'obbligo di indossare mascherine e di riaprire le attività di business al 100%. Per Walensky è necessario indossare gli strumenti di protezione e rispettare il distanziamento sociale.  

Mentre le vaccinazioni sono destinate a crescere rapidamente il presidente dell'autorità sanitaria avverte che i decessi e le nuove infezioni si sono stabilizzati a un livello "preoccupante" dopo essere diminuiti dai massimi di gennaio. "La stanchezza sta vincendo e le misure giuste che abbiamo preso per fermare la pandemia vengono troppo spesso ignorate pienamente". 
Condividi