Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/covid19-protezione-civile-lombardia-contagi-c887a017-3680-480c-a18f-fe25d6a94ca8.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

La lotta alla pandemia

Covid-19 in Italia, i dati della Protezione civile: 26 morti, 640 guariti e 303 nuovi contagiati

Confermato trend in calo degli attualmente positivi. Decessi al minimo dal 2 marzo. La Lombardia (con 259 contagi) da sola somma oltre l'85% dei nuovi casi di tutta la penisola. In nove Regioni zero contagi. L'assessore regionale al Welfare Gallera: la maggior parte dei casi sono debolmente positivi

Condividi
La situazione aggiornata in Italia e nel mondo

I dati della Protezione civile
I ricoverati con sintomi sono 3.489 (105 in meno).
Nelle terapie intensive sono ricoverati 207 pazienti, due in meno rispetto a ieri.
In isolamento domiciliare 22.213 (-258).
Il totale degli attualmente positivi è di 25.909 (-365).

Tra dimessi e guariti si contano 177.010 persone (640 in più rispetto al giorno precedente).

I deceduti sono 26, per un totale di 34.371.

I casi totali dall'inizio della pandemia in Italia sono 237.290 (+303).

In aumento soprattutto nella Regione Lombardia (+259), pari a oltre l'85% dei nuovi casi in tutta la Penisola. Mentre ci sono 9 Regioni senza alcun nuovo contagio nelle ultime 24 ore: Friuli Venezia Giulia, Abruzzo, Provincia di Bolzano, Umbria, Sardegna, Valle d'Aosta, Calabria, Molise e Basilicata.

I tamponi effettuati in tutto sono 4.648.825.

Nel dettaglio, i casi attualmente positivi sono 15.976 in Lombardia, 2.604 in Piemonte, 1.500 in Emilia-Romagna, 755 in Veneto, 489 in Toscana, 246 in Liguria, 1.292 nel Lazio, 617 nelle Marche, 289 in Campania, 410 in Puglia, 66 nella Provincia autonoma di Trento, 805 in Sicilia, 99 in Friuli Venezia Giulia, 486 in Abruzzo, 94 nella Provincia autonoma di Bolzano, 18 in Umbria, 33 in Sardegna, 12 in Valle d’Aosta, 37 in Calabria, 70 in Molise e 11 in Basilicata.



Gallera: maggior parte casi debolmente positivi
"L'ampliamento della platea delle persone alle quali stiamo eseguendo il tampone determina un maggior numero di positività che nella maggior parte dei casi non è legata a nuove insorgenze". Lo spiega l'assessore regionale al Welfare, Giulio Gallera, commentando i dati epidemiologici odierni, dai quali risultano 259 nuovi casi di coronavirus in Lombardia. Gallera precisa che "i dati di oggi risentono di 109 tamponi eseguiti a fronte della positività al test sierologico regionale sui cittadini, 8 tamponi conseguenti a sierologici su operatori socio sanitari e 17 su ospiti delle Rsa. Degli altri 125 cittadini positivi oggi, alcuni sono riferibili alla positività a seguito di sierologici privati". "La maggior parte dei casi - continua l'assessore al Welfare risulta essere 'debolmente positivo'. Questo elemento evidenzia la presenza di anticorpi e di tracce del virus, la cui insorgenza risale pero' alle settimane precedenti".

Gallera ricorda che "Regione Lombardia ha deciso di avviare una massiccia campagna di screening con prelievi ematici a cittadini in quarantena, contatti di sintomatici, operatori sanitari, forze dell'ordine, personale dei tribunali. I tamponi, invece, vengono eseguiti sui cittadini che si rivolgono al servizio di emergenza urgenza, ai pazienti in fase di ricovero, a coloro che manifestano sintomi anche lievi, e ai loro contatti, segnalati alle ATS dai medici di base o dai datori di lavoro. Contestualmente sono state avviate importanti campagne di screening promosse da aziende private". Gallera conclude evidenziando che  il "vasto sistema di screening serve proprio per prevenire e monitorare eventuali situazioni critiche, che al momento gli esperti delle ATS non evidenziano, soprattutto se si considera il fatto che siamo a un mese dal termine del lockdown". 
Condividi